Sentinelli di Milano

Milano, 11 giugno 2018 -  "Ormai seguiamo i tuoi spostamenti. Molto prima di quanto pensi, mentre attraversi tranquillamente la strada potresti essere travolto e ucciso da una macchina. I rifiuti vanno eliminati dalla strada e deposti negli appositi contenitori". Sono le parole arrivate a Luca Caputa Curcio, attivista dei Sentinelli di Milano, organizzazione antifascista e arcobaleno molto attiva in città. Le minacce di morte sono arrivate all'attivista via Facebook, corredate da insulti come "pederasta e spia". L'invettiva prosegue poi nei confronti del compagno, Luca Paladini, personaggio di spicco dell'organizzazione e già più volte minacciato in passato. 

"Da circa tre mesi - racconta Paladini - questi messaggi sono quotidiani". E' accertato che i profili da cui arrivano sono troll con nomi falsi e il sospetto è che si tratti di una persona o un gruppo di persone collegati al profilo che qualche tempo fa pubblicò la foto di Laura Boldrini con la testa mozzata, ripresa, per denunciarla, dall'associazione sulla sua pagina social. Da allora ricorre infatti in tutti i messaggi di minaccia il termine "spia". Sul caso è al lavoro la polizia postale.