Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Fontana e De Luca, la strana alleanza

La causa autonomista unisce i governatori di Lombardia e Campania

di GIAMBATTISTA ANASTASIO
Ultimo aggiornamento il 29 giugno 2018 alle 07:07
Attilio Fontana, presidente della Lombardia, e Vincenzo De Luca, presidente campano

Milano, 29 giugno 2018 - La causa autonomista unisce Lombardia e Campania. La strana alleanza era già stata anticipata nei mesi scorsi da Roberto Maroni, promotore del referendum autonomista, ma ieri ha avuto visibilità e parola durante e dopo una conferenza stampa a Palazzo Lombardia alla quale hanno partecipato i presidenti delle due Regioni: Attilio Fontana da un lato e Vincenzo De Luca dall’altro. «Noi siamo interessati alla discussione sull’autonomia – conferma il secondo –, più si decentra e meglio è. L’autonomia è uno strumento in mano ai cittadini per distinguere i cialtroni dagli amministratori seri. Noi siamo stati più virtuosi di Veneto e Lombardia che hanno fatto un referendum e speso 20 milioni di euro per mandare una lettera. Noi – insiste De Luca – abbiamo mandato la stessa lettera senza spendere nulla». Premesso questo, il presidente della Regione Campania precisa: «L’unità nazionale è sacra e su questo non si discute, alcune materie come la sicurezza e la pubblica istruzione non possono essere decentrate. Il nodo dirimente sarà il riparto delle risorse. Il criterio della spesa storica non è più tollerabile dal Mezzogiorno, io sono per proporre la sfida dell’efficienza anche al Sud».

De Luca  conclude citando il caso di Napoli che «è la città d’Italia che riceve i maggiori trasferimenti da parte dello Stato. Nessuno si può lamentare. Credo di ricordare 360 euro pro capite l’anno, più della Capitale mentre Milano ne riceve 54. Ora è evidente che c’è una particolare sofferenza di quella città. Ma io rappresento quel Sud che pretende le verifiche di efficienza e di correttezza: cioè se le risorse che arrivano al Sud non sono spese in maniera corretta e produttiva io sono per toglierle, senza pietà». Parole che piacciono a Fontana, eccezion fatta per la stoccata sul referendum alla quale ha risposto, polemico, l’altro governatore chiamato in causa, quello del Veneto, Luca Zaia. «L’accordo con Erika Stefani (ministro agli Affari Regionali e alle Autonomie ndr) è di rivederci entro la fine di luglio – fa sapere il governatore lombardo –. In quella data indicheremo quali sono le materie di cui chiediamo il trasferimento e le rispettive competenze e risorse. Parallelamente continua anche il lavoro per restituire dignità alle Province che oggi versano in uno stato “comatoso”. O il Governo è in grado di rispondere nei prossimi 6 mesi o bisogna ritornare allo status precedente cancellando la legge Delrio». In attesa di passi in avanti nel confronto con il Governo sull’autonomia, Lombardia e Campania hanno firmato un accordo di collaborazione che coinvolge gli ospedali Niguarda, a Milano, e Cardarelli, a Napoli. «Un accordo importante perché consente a due eccellenze della sanità di condividere le buone pratiche per creare la possibilità di collaborare costruendo in queste due realtà servizi ancora migliori per i cittadini» spiega Fontana. «Ci presentiamo col volto di un Sud diverso: siamo quella parte del Mezzogiorno che combatte contro gli stereotipi coi quali spesso veniamo ingiustificatamente identificati e invece si propone con l’immagine del rigore e dell’efficienza: per questo siamo interessati a uno scambio di conoscenze con una realtà come il Niguarda» rimarca De Luca.

giambattista.anastasio@ilgiorno.net

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.