Matteo Salvini
Matteo Salvini

Milano, 27 maggio 2019 -  "A urne chiuse si può ringraziare a cuore aperto senza essere accusati di voler strumentalizzare. Ringrazio chi c'è lassù' e non aiuta Salvini e la Lega, ma l'Italia e l'Europa a ritrovare radici, sicurezza e futuro. La festa dura pochi minuti perchè è il momento della responsabilita'". Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini, nella sede del partito in via Bellerio a Milano, commentando i risultati delle Europee, che vedono la Lega primo partito in Italia (sulla soglia del 30%) e dopo aver baciato il crocifisso di un rosario, come aveva fatto nel corso di una manifestazione elettorale in piazza Duomo. E ancora: "È un successo incredibile non solo della Lega in Italia ma anche della Le Pen in Francia e Farage in Inghilterra. È il segno di un'Europa che cambia". Poi, ha aggiunto: "Sarà un periodo economico complicato, siamo il primo partito di un grande Paese e vedremo di fare valere in Europa le ragioni di un grande Paese". E ha sottolineato: "Usiamo questi consensi non per regolamenti di conto interni. Il mio avversario era e rimane la sinistra, gli alleati di governo per me sono amici con cui si torna a lavorare serenamente, abbassando i toni. Usiamo questi consensi non per regolamenti di conto interni. Gli alleati di governo per me sono amici. Conto di riprendere in mano domani mattina il contratto di governo".

Prima di scendere in sala stampa, Salvini ha festeggiato nel suo ufficio coi suoi già dalla diffusione delle prime proiezione che consacrano il suo partito in cima ai consensi in Italia, toccando il record storico di voti dalla sua fondazione nel febbraio del 1991 (l'ultima proiezione da' la Lega ampiamente sopra il 30 per cento). Brindisi e applausi insieme al responsabile economico del partito, Claudio Borghi, al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, e allo stratega della comunicazione, Luca Morisi. Poi, un berve sho alla finestra: prima è apparso un uovo di Pasqua del Milan, squadra del cuore che però oggi ha dato una delusione a Salvini, con l'esclusione dalla Champions League, ben posizionato sul davanzale. Poi una statuetta di Alberto da Giussano, con lo spadone che si staglia nel controluce dei neon che illuminano la stanza. Infine, è arrivata una bandiera con i Quattro Mori della Sardegna

Dopo la fotografia che immortala Salvini con un cartello in mano in cui ringrazia tutti per il risultato della Lega alle Europee, sui profili social del ministro appare un video: "Useremo bene la vostra fiducia, primo partito in Italia, si cambia in Europa".