Riccardo Moraschini, uomo decisivo in quel di Atene
Riccardo Moraschini, uomo decisivo in quel di Atene

Milano, 17 ottobre 2019 - Le "sliding doors" dello sport raccontano sempre di storia speciali. Questa volta è il turno di quella di Riccardo Moraschini che nell'aprile del 2018 aveva la testa china per l'amarezza di non aver raggiunto i playoff di A2 con Mantova, e in una sera di appena un anno e mezzo dopo si trova in mano due tiri liberi a 8" dalla fine con cui vincere una partita in uno dei palazzi più imponenti d'Europa sotto di un punto. 2/2 glaciale e successo 78-79 regalato alla sua Armani Exchange che inizia ad apprezzarne sempre di più le qualità. Un segnale importante per i milanesi che mostrano ben altro atteggiamento rispetto al ko interno con Brindisi, trovando ancora grandi cose da Scola, autore di 17 punti e 9 rimbalzi, mentre Roll e Micov sono perfetti nell'alternarsi tra il primo tempo speciale dell'americano (10 punti) e il secondo del serbo che ha chiuso con 13 dei suoi 18 punti segnati nella ripresa.

Il Panathinaikos parte forte (6-2), ma Milano con le triple di Micov e Scola sorpassa e mette la freccia sul 10-15. Poi è Wiley che di nuovo accende i padroni di casa con grande energia a rimbalzo offensivo (18-15), ma appena rientra Rodriguez tutti ne traggono beneficio, tanto che con la tripla dello spagnolo e con quella allo scadere del primo periodo di Roll l'AX allunga sul 20-24. Calathes impatta subito in apertura (24-24), poi il Panathinaikos si appoggia alle lunghe leve di Mitoglou sopravanzando di nuovo su 32-30 , ma ancora dall'arco, per due volte, Roll e Della Valle sparano le triple riportando avanti l'AX 35-36 al 19'. All'intervallo si va in perfetta parità a quota 38 con una tripla di Calathes sulla sirena, Scola da finto pivot propizia il 42-47 di Milano, ma patisce oltremodo a rimbalzo offensivo Wiley che ne segna 6 in fila per il 50-49. Fredette prende in mano i suoi con 7 punti in fila, ma il vantaggio rimane minimo sul 57-56. Poi si accende ancora Michael Roll che con le sue triple conduce ancora per mano l'Olimpia sul +4 a fine periodo (57-61). Il Panathinaikos ancora si rialza e con un 11-0 in apertura prova l'allungo sul 68-61 al 33' con uno scatenato Wiley.

Milano non ci sta, da tre punti colpisce con precisione e con Micov e Brooks è di nuovo ad un passo (68-67), poi Roll sorpassa (68-70). Quel campione di Calathes è incredibile, piazzando le triple del 76-72, ma Milano non si spaventa grazie a Micov che risponde con 5 punti consecutivi (76-77 al 38'). E' ancora lunga, Calathes a -31" realizza l'ennesimo "floater" per il 78-77, ma proprio il greco spinge in "bonus" Moraschini dopo un rimbalzo offensivo milanese. Il resto ve lo abbiamo già raccontato, per la guardia biancorossa (in campo 25', tra l'altro) rimarrà una serata da ricordare, per l'Olimpia una vittoria per capire che la strada imboccata può essere quella giusta.

 

PANATHINAIKOS ATENE-ARMANI EXCHANGE MILANO 78-79; 20-24; 38-38; 57-61
ATENE: Thomas 4, Rice 2, Papagiannis 4, Papapetrou 4, Pappas ne, Johnson 4, Brown ne, Fredette 9, Calathes 23, Wiley 17, Mitoglou 8, Bentil 3. All. Pedoulakis
MILANO: Della Valle 3, Micov 18, Biligha, Moraschini 4, Roll 16, Rodriguez 10, Tarczewski 3, Cinciarini, Burns, White 2, Brooks 6, Scola 17. All. Messina
Note: Tiri da 2: PA 30/52, MI 15/41; Tiri da 3: PA 3/20, MI 14/26; Tiri liberi: PA 9/11, MI 7/11; Rimbalzi: PA 39 (Mitoglou 10), MI 36 (Scola 9); Assist: PA 11 (Rice 4), MI 15 (Rodriguez 5)