Mike James al tiro (LaPresse)
Mike James al tiro (LaPresse)

Milano, 6 maggio 2019 - La stagione in Eurolega dell'Armani Exchange ha regalato alterne fortune con un'annata che ha riportato l'Olimpia a lottare per i playoff, senza, però, riuscire a conquistare l'obiettivo. In realtà, però, un trofeo i biancorossi l'hanno messo comunque in bacheca.

Anche se sarà in quella personale di Mike James, che ha vinto l'Alphonso Ford Trophy, come miglior realizzatore della competizione con 595 punti segnati, pari a 19.8 punti di media. Una classifica dominata dal play biancorosso con 5 punti di vantaggio sul secondo in classifica, ossia Cory Higgins del CSKA Mosca. Peraltro è la seconda volta che un giocatore dell'Olimpia vince questo premio visto che nel 2014 c'era riuscito anche Keith Langford, con la squadra che era anche riuscita a disputare i playoff.

Ora, però, c'è apprensione in casa Armani Exchange per le condizioni dello stesso James che ieri a Trento ha visto la sua caviglia destra uscire decisamente malconcia dopo uno scontro di gioco a un minuto dalla fine dei tempi regolamentari. Il movimento del piede non è stato di certo dei più usuali, sotto il peso di Houge e Forray che si sono lanciati insieme a James per recuperare un pallone. Il numero 2 milanese è uscito in piedi, ma oltremodo dolorante tanto che poi non è più rientrato. Sottoposto a controlli nella gironata odierna, James recupererà nell'arco di 2-3 settimane. Salterà dunque sicuramente le prime due gare di playoff, che per Milano scatteranno sabato 18 maggio, e potrebbe tornare utile a partire da gara 3, qualora la situazione lo richiedesse. Altrimenti il play biancorosso verrà lasciato ulteriormente e riposo per averlo completamente ristabilito in vista della semifinale.