Riccardo Moraschini, miglior realizzatore di Milano con 17 punti
Riccardo Moraschini, miglior realizzatore di Milano con 17 punti

Milano, 3 novembre 2019 - Adesso il messaggio arriva forte e chiaro anche in campionato. L'Olimpia fa la voce grossa con Varese nel derby della 7^ giornata, si impone 93-69 dominando per 40 minuti, giocando per la prima volta una partita di altissimo livello anche in Serie A. Alla prima settimana in cui tutti gli infortuni tornano a disposizione, si vede la differenza con il kilometrico roster milanese che nel suo "tour de force" da 5 partite in 10 giorni fa un en-plein davvero significativo.Coach Messina trova tanto da Moraschini, bravo a farsi trovare subito pronto dopo l'esclusione in Eurolega, con 17 punti segnati frutto di un 4/6 da 3 punti, come Biligha che nei pressi del canestro chiude con 4/4, l'unico che ancora fatica a trovare la sua dimensione è Mack, ancora opaco con 1/6 al tiro (ma 4 assist e 4 rimbalzi).

Per Varese è deleterio l'8/37 da 3 punti che non permette mai all'attacco della OJM di entrare in ritmo con Josh Mayo vero simbolo in negativo del match con un brutto 2/11 dall'arco, senza trovare con nessuno un valido sostituto: Simmons fa 7 dei suoi 11 punti nell'inutile ultimo quarto, ma anche Peak e Clark tirano in modo troppo alterno. Milano parte subito forte con un 7-0, mentre Varese ci mette ben 5 minuti a trovare il primo canestro (Clark da 2). I varesini si riavvicinano (13-10), ma l'AX è decisamente in controllo, così sfruttando il bonus esaurito della OJM con i liberi di Rodriguez e Della Valle ritorna in controllo, fino alla tripla sulla sirena di Brooks per 26-14.

Ampie rotazioni per coach Messina nel secondo periodo, mentre Varese non riesce mai a tornare sotto la singola cifra di svantaggio nonostante le iniziative di Mayo. Così, con un quintetto interamente italiano, l'Olimpia scappa via proprio all'intervallo sul 46-30. Nella ripresa la musica non cambia, l'AX è sempre in controllo con Rodriguez che si accende con una tripla e un paio di assist per il +17 al 26 (60-43), poi arriva un'altra fiammata prodotta dalle triple di Micov e Nedovic tanto che i biancorossi ipotecano ampiamente la partita sul 74-45 del 30'. Nell'ultimo quarto arriva anche il massimo vantaggio della gara sul +30 (80-50), ma il match è già ampiamente in ghiacciaia con le squadre già concentrate sugli impegni futuri.

ARMANI EXCHANGE MILANO-OPENJOBMETIS VARESE 93-69
26-14; 46-30; 74-45
MILANO: Della Valle 8, Mack 2, Micov 7, Biligha 8, Gudaitis 8, Moraschini 17, Rodriguez 6, Nedovic 10, Cinciarini 11, Burns 5, Brooks 10, Scola 1. All. Messina
VARESE: Peak 13, Clark 14, De Vita ne, Jakovics 4, Natali 3, Vene 12, Simmons 11, Seck ne, Mayo 10, Tambone, Gandini, Ferrero 2. All. Caja
Note: Tiri da 2: MI 13/18, VA 12/29; Tiri da 3: MI 13/27, VA 8/37; Tiri liberi; MI 28/38, VA 21/25; Rimbalzi: MI 31 (Mack 4), VA 37 (Simmons 8); Assist: MI 23 (Nedovic 6), VA 13 (Mayo 4).
Arbitri: Begnis Paglialunga, Nicolini