Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
11 dic 2021

Il Milan acciuffa il pari a Udine nel recupero: Zlatan evita il ko

I bianconeri sfiorano l'impresa con il gol di Beto ma in extratime lo svedese pesca l'1-1

11 dic 2021
ilaria checchi
Sport
Milan�s Zlatan Ibrahimovic (C) jubilates with his teammates after scoring the goal during the Italian Serie A soccer match Udinese Calcio vs AC Milan at the Friuli - Dacia Arena stadium in Udine, Italy, 11 December 2021. ANSA/GABRIELE MENIS
Ibra in gol
Milan�s Zlatan Ibrahimovic (C) jubilates with his teammates after scoring the goal during the Italian Serie A soccer match Udinese Calcio vs AC Milan at the Friuli - Dacia Arena stadium in Udine, Italy, 11 December 2021. ANSA/GABRIELE MENIS
Ibra in gol

Udineo, 11 dicembre 2021 - Dopo l'eliminazione dall'Europa, il Milan capolista vuole proseguire la marcia in vetta al campionato di Serie A e per farlo deve espugnare la Dacia Arena battendo l’Udinese. Alla fine i rossoneri strappano un pareggio per 1-1 sul finale di partita: dopo il vantaggio firmato da Beto, in extra time Ibrahimovic pesca il gol in semi rovesciata. Punto d’oro per Pioli dopo un match complicato e teso, con tanto di espulsione di Success.

In campo

Il tecnico Stefano Pioli si affida a Bakayoko e Bennacer a centrocampo dal primo minuto: in attacco ancora titolare Zlatan Ibrahimovic, affiancato da Saelemaekers e Krunic. In difesa fiducia a Florenzi sulla corsia destra, capitan Romagnoli a Tomori al centro, Theo Hernandez a sinistra, alla caccia del riscatto dopo la prestazione contro il Liverpool. Tonali e Kessié partono dunque dalla panchina: Cioffi, che sostituisce l'esonerato Gotti, schiera Deulofeu dal primo minuto accanto a Beto. Prima del match il direttore tecnico rossonero, Paolo Maldini, ha parlato della possibilità di intervento del club nel mercato di gennaio: «Si dicono tante cose, ma vi posso assicurare che un 10% delle cose che si dicono non sono vere. Stiamo valutando se ci fosse la possibilità di un giocatore pronto subito o magari per la prossima stagione, ma non è detto che si possa trovare. Al di là della Coppa d’Africa, con Campionato e Coppa Italia considero una squadra competitiva».

Brutto Milan

Francesco Fourneau dà il fischio d’inizio al match e fin dalle prime battute il Milan prova a fare la partita ma l'Udinese si chiude e tenta a ripartire in velocità: al 7’ su lancio lungo per Deulofeu, né Florenzi e né Romagnoli intervengono e tocca a Maignan anticipare lo spagnolo in area di rigore, mentre due minuti dopo è Theo Hernandez a perdere malamente palla sulla trequarti rossonera ma i padroni di casa non riescono a sfruttare il regalo ricevuto. Un minuto dopo è invece Ibra a provare la conclusione ben servito da Bennacer ma il suo tiro al volo termina alto, e la risposta di casa arriva subito dopo con Deulofeu ma anche il diagonale destro di potenza del bianconero è fuori misura. Al 16’ l’Udinese passa in vantaggio con Beto: lo spagnolo attacca la profondità e si presenta a tu per tu con Maignan che salva sul primo intervento ma la palla resta a tiro di Beto che ribadisce in rete per il vantaggio friulano. Il Diavolo prova a reagire al gol incassato ma al 24’ la punizione di Florenzi non trova i frutti sperati: al 26’, invece, Saelemaekers crossa per Zlatan che invece di lasciare il tiro a Brahim Diaz tenta un improbabile cross in torsione. E’ a centrocampo che il Diavolo soffre terribilmente mostrando troppa imprecisione e al 33’ gli ospiti ci provano con Romagnoli che cerca la girata peccando nella mira: al 42’è invece Diaz a mandare di poco fuori a sua conclusione su sponda di Ibra, mentre due minuti dopo il pareggio di Theo Hernandez viene annullato per fuorigioco. Dopo un minuto di recupero termina una prima frazione di gioco in cui l’Udinese si trova meritatamente in vantaggio al cospetto di un Milan sottotono che dovrà avere un atteggiamento radicalmente diverso nella ripresa per aggiustare il tiro.

Ibra salva il Diavolo

Triplo cambio per il Milan con Pioli che vuole raddrizzare la partita rivoluzionando la mediana: Messias, Tonali e Kessié entrano al posto di Krunic, Bennacer e Bakayoko e il Diavolo rientra in campo con un piglio migliore tant’è che al 46’ Ibrahimovic trova un tiro di prima intenzione su cross dalla destra ma il pallone termina alto. Nonostante un Diavolo più convincente le occasioni per gli ospiti sono poche o mal sfruttate mentre l’Udinese si chiude a dovere sfruttando con intelligenza i varchi che le si presentano. Al 59’ Messias fa tunnel ad un avversario e serve palla a Brahim Diaz ma la conclusione termina abbondantemente fuori, mentre un minuto dopo Cioffi opta il primo cambio del match sostituendo Udogie con Zeegelar e l’Udinese riprende campo dopo un inizio secondo tempo marca ospite. Al 67’ Tonali pesca con il compasso Zlatan che in girata di testa sfiora il gol. Pioli lancia anche Castillejo per Saelemaekers mentre Cioffi toglie Arslan e Deulofeu e al loro posto entrano Success e Jajalo e al 76’ il Milan conquista un corner mal sfruttato mentre un minuto dopo Messas conquista un calcio di punizione sulla destra per fallo di Zeegelar: della battuta si incarica Tonali per il colpo di testa di Tomori ma l’azione si spegne senza successo. Daniel Maldini per Brahim Diaz è l’ultimo cambio di Pioli e all’80’ da corner di Tonali Romagnoli ci prova di testa ma Becao disinnesca il pericolo: sul ribaltamento di fronte è ancora Beto a sfiorare il bis saltando Florenzi e scaricando un tiro di poco fuori. Il Milan pressa alla caccia del pareggio ma i tentativi di Messias e Theo Hernandez non trovano i frutti sperati: quattro minuti di recuperi concessi dall’arbitro e al 92’ il Milan pareggia. Castillejo mette in mezzo, Ibrahimovic va a contrasto e poi si coordina in semi rovesciata battendo Silvestri per l’1-1 con un gol spettacolare. Un minuto dopo l’Udinese sfiora il gol ma Kessié si immola e salva i pali rossoneri: al 94’ Success viene espulso per aver steso Florenzi e dal contrasto nasce una piccola rissa sedata bene dal direttore di gara. Il match termina e il pareggio rossonero è tutto sommato meritato dopo una ripresa giocata in maggior pressione.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?