Silvio Berlusconi e Adriano Galliani
Silvio Berlusconi e Adriano Galliani

Milano, 5 settembre 2018 - Una notizia che ha del clamoroso quella rimbalzata ieri sera. Silvio Berlusconi infatti sarebbe pronto a tornare nel mondo del calcio, ma non nel Milan: l’ex presidente rossonero sarebbe interessato al Monza. Come riferito da Sky Sport, infatti, Berlusconi sarebbe in trattativa per l’acquisizione del club guidato da Nicola Colombo, militante in Serie C. In questa nuova esperienza sarebbe affiancato dal fedele Adriano Galliani, che è partito nella sua carriera dalle scrivanie biancorosse e che, dopo essere stato ad del Milan, sarebbe pronto ad accompagnare ancora una volta Berlusconi nell’acquisizione del Monza.

Una notizia che ha letteralmente lasciato a bocca aperta i tifosi biancorossi. «Ho ricevuto ieri mattina una chiamata da parte di un esponente del gruppo Berlusconi che mi ha chiesto del Monza: è stato un sondaggio, nulla di più - confessa il presidente del Monza Nicola Colombo - Per me questa chiamata è stata un onore perché significa che, dopo aver preso il Monza in Tribunale, ho rilanciato questa società storica così tanto da renderla appetibile ad uno dei maggiori gruppi industriali italiani. Ho detto semplicemente parliamone. Sicuramente mollare il Monza interamente mi dispiacerebbe: la mia ambizione è sempre stata avere dei soci del territorio nella mia esperienza. Vedremo se dopo questa telefonata ci sarà un seguito». Insomma, nessuno a Monza ha intenzione di chiudere la porta in faccia a una coppia d’assi come quella Berlusconi-Galliani che, a sensazione, se davvero lo vorranno, diventeranno presto i padroni del club biancorosso.

Nel frattempo Gattuso non ha tempo di pensare al Milan che fu e vuole rilanciare Biglia al massimo livello: «Biglia? È un giocatore che a livello tattico è fondamentale per questa squadra». Ed è proprio questo il motivo per il quale Gattuso continua ad insistere sul 32enne argentino: le sue caratteristiche tecniche. Che, di fatto, lo rendono interprete perfetto per il 4-3-3 dell’ex centrocampista rossonero. Ma Gattuso sa che, mai come quest’anno, il Milan è chiamato a riprendersi un ruolo di primo piano in Italia e non solo.