Quotidiano Nazionale logo
14 dic 2021

Milan-Napoli: Pioli va in cerca del miglior Brahim Diaz. Non segna da quasi tre mesi

Domenica contro gli azzuri Messias potrebbe partire titolare, ballottaggio tra Kalulu e Florenzi a destra

ilaria checchi
Sport

Milano – Giorni caldi in casa Milan per preparare il big match che vedrà i rossoneri impegnati a San Siro domenica sera contro il Napoli di Spalletti: a tenere banco, come ormai da tempo è la questione relativa agli infortunati. Rafael Leao potrebbe tornare a disposizione per la partita contro i partenopei o per quella contro l'Empoli, ma l'obiettivo principale è quello di non correre rischi. Possibile quindi che il portoghese rientri solo dopo Natale. Ante Rebic e Davide Calabria, invece, torneranno sicuramente nel 2022. Olivier Giroud, come previsto, dovrebbe tornare tra i convocati per la gara di domenica. Il dubbio principale di Pioli, parlando di formazione, riguarda il terzino destro con Kalulu e Florenzi che si giocano una maglia da titolare.

Punto fermo

In tema di formazione Pioli dovrebbe affidarsi, oltre al solito Zlatan Ibrahimovic in attacco, a Junior Messias: l’ex Crotone ci ha messo del tempo per carburare, iniziando tardi la preparazione perché arrivato infortunato e dopo ha subito un nuovo stop forzato dal quale è rientrato più forte cinque gare dopo. Dalla partita di Firenze in poi, Messias è spesso stato decisivo per Stefano Pioli, con la doppietta contro il Genoa a brillare nelle 5 apparizioni fatte. Anche a Udine, il suo ingresso è servito a dare una sveglia al Diavolo e grazie alla verve del brasiliano nel finale i rossoneri sono riusciti a trovare il gol del pareggio con Ibrahimovic in extra time.

Il numero 30 rossonero si è integrato molto bene negli schemi del Milan e, d'ora in poi, appare difficile pensare ad una squadra senza di lui anche perché Brahim Díaz non potrà giocarle tutte, mentre Alexis Saelemaekers sembra non garantire quella continuità di prestazione che Pioli necessita più che mai. Da esterno destro offensivo o da trequartista, Messias si candida per una maglia da titolare tanto in Milan-Napoli quanto in Empoli-Milan di mercoledì prossimo.

Da rivedere

A parte Ibrahimovic (7 reti in 10 partite di campionato) e Messias (2 gol in 271 minuti giocati), i giocatori rimasti incolumi dall’ondata di infortuni in casa Milan stanno incidendo troppo poco sotto porta, motivo per cui il tecnico emiliano preme per ritrovare il miglior Brahim Diaz: il 10 rossonero, dopo un inizio di stagione molto convincente, sta faticando a trovare continuità di condizione fisica e non trova la gioia del gol ormai dal 25 settembre (a La Spezia). Se l'impegno dello spagnolo il campo non è mai mancato, nonostante abbia superato il Covid-19, Diaz sta mancando in termini di concretezza e ora più che mai il Diavolo ha bisogno di tutti i suoi elementi di punta per sopperire alle tante assenze.

Qui Napoli

Luciano Spalletti, reduce da due sconfitte e un pareggio in campionato, è scivolato in quarta posizione di classifica, quindi un'eventuale vittoria coi rossoneri gli permetterebbe di agganciare quest'ultimi. Salvo sorprese Koulibaly e Victor Osimhen non prenderanno parte alla sfida contro i rossoneri: entrambi i calciatori anche oggi hanno dato segnali di ripresa, ma le speranze di vederli in campo sono pochissime. Da valutare Fabian Ruiz, che oggi non è sceso in campo con i proprio compagni a causa di sintomi influenzali, mentre Zielinski dovrebbe recuperare per il match di San Siro.

L’allenatore toscano potrebbe scegliere lo speculare 4-2-3-1, con Ospina come estremo difensore, la linea difensiva potrebbe essere formata da Rrahmani e Jesus al centro del reparto, con Di Lorenzo che vestirà i panni del terzino destro e Mario Rui che si piazzerà a sinistra. Demme e Insigne, invece, dovrebbero comporre la mediana, mentre i trequartisti titolari potrebbero essere Politano, Ounas e Elmas.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?