Quotidiano Nazionale logo
6 dic 2021

Milan-Liverpool, la sfida chiave: probabili formazioni e dove vederla in tv e streaming

Pioli: «Servirà una partita di sacrificio e di lucidità tattica e tecnica»

ilaria checchi
Sport
Head coach Stefano Pioli of AC Milan during the UEFA Champions League group B soccer match between Liverpool FC and AC Milan in Liverpool, Britain, 15 September 2021.  ANSA/Peter Powell
Stefano Pioli

Milano, 6 dicembre 2021 - Domani sera il Milan si gioca il suo futuro in Champions League affrontando a San Siro (attesi 57mila tifosi) il Liverpool di Klopp e per farlo Pioli dovrà rinunciare a Rafael Leao: il portoghese ha riportato una forte contusione alla coscia posteriore destra e il trauma ha causato una piccola lesione muscolare del bicipite femorale. Assente dalla rifinitura in campo in vista dell’importantissima sfida contro i Reds anche Theo Hernandez a causa di un po’ di raffreddore: una decisione presa a scopo precauzionale ma il francese ci sarà. In attacco, oltre a Leao, mancheranno anche Rebic e Giroud, chances da titolari per Saelemakers o Messias con Krunic vicino alla conferma. «Abbiamo preparato tutto nei minimi dettagli, servirà una partita di sacrificio e di lucidità tattica e tecnica» le parole del tecnico emiliano alla vigilia.

Parla Pioli

«Dovremo essere bravi a muoverci tra le linee. Dalla gara di andata abbiamo imparato tanto, sappiamo a che livello dovremo giocare per competere con loro. Siamo pronti, ci saranno i tifosi a spingerci, ci sono tutte le condizioni per fare bene: loro ci presseranno con intensità, ma ormai ci conosciamo bene, se superiamo la loro prima pressione potremo creare occasioni importanti» spiega l’allenatore rossonero, che sui tanti infortuni commenta: «Il fatto che si giochi tanto può essere una motivazione, stiamo cercando di fare di tutto per cercare di preservare i giocatori, di tutelarli, per questo sto facendo anche più rotazioni rispetto all'anno scorso. Ora dobbiamo stringere i denti, fino al 22 dicembre dobbiamo raccogliere il massimo che possiamo, poi sono sicuro la situazione migliorerà». Su Krunic: «Dobbiamo avere tanti giocatori offensivi, anzi dobbiamo cercare di non dare punti di riferimento. Krunic, Diaz, Messias hanno le capacità di lavorare tra le linee e attaccare la profondità. Provate a immaginare la linea difensiva che si ritrova due difensori senza sapere chi marcare. Possiamo sfruttare questa situazione: se dovessimo andare in Europa League la affronteremmo nel modo migliore ma adesso quello che conta è la partita di domani, vogliamo affrontare una squadra tra le migliori al mondo e capire dove siamo arrivati». Infine una chiosa su Tomori: «E’ fortissimo, ha ottime caratteristiche per il nostro modo di giocare. A Madrid non c'era e abbiamo vinto 1-0. Questo vuol dire che la cosa più importante sono le qualità della squadra».

Tomori

«Non sarà facile, il Liverpool è una squadra con grande intensità e qualità, è eccezionale ma noi non siamo da meno. Abbiamo fatto un grande lavoro e dobbiamo dargli filo da torcere come all'andata. Vogliamo vincere, sarà una partita difficile ma abbiamo ancora le chances per qualificarci. La mentalità deve essere quella vincente e scenderemo in campo con questo spirito: dovremo difendere bene ma non subire e basta e fare la nostra partita. Nelle ultime tre-quattro stagioni loro hanno segnato oltre cento gol a stagione, sono forti ma serve un lavoro di squadra, non individuale: dobbiamo correre tutti insieme ed è quello che vogliamo fare, mostrare energia» il commento del difensore ex Chelsea, che dedica un pensiero a Simon Kjaer: «Sarà difficile questa fase per lui, Simon è una grande parte della squadra, sia sul campo che fuori. E' molto triste quello che gli è successo, speriamo recuperi presto e di portare a termine la missione anche per lui».

Combinazioni

Nell’ultimo turno, oltre a Milan-Liverpool, andrà in scena anche Porto-Atletico Madrid. I Reds sono ampiamente primi e qualificati con 15 punti, insegue il Porto con 5 e poi appaiate a 4 Atletico Madrid e Milan. I calcoli sono molteplici ma tutto passa dalla vittoria, obbligata, per il Diavolo contro il Liverpool: il Milan si qualifica se vince e se Porto-Atletico Madrid termina in parità. In caso di vittoria sia del Milan che dell’Atletico Madrid, se entrambe vincono con identico punteggio, passeranno i rossoneri per migliore differenza reti generale, mentre se il Diavolo dovesse perdere 1-3 e il Colchoneros perdessero 2-3, per decretare la terza del girone si andrebbe al conteggio dei cartellini. Ovviamente, una vittoria del Porto renderebbe inutili tutti i calcoli.

Probabili formazioni

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Kalulu, Tomori, Romagnoli, Theo Hernandez; Tonali, Kessie; Saelemaekers, Diaz, Messias; Ibrahimovic. All. Pioli.
LIVERPOOL (4-3-3): Alisson; Alexander-Arnold, Gomez, Matip, Tsimikas; Henderson, Thiago, Keita; Minamino, Origi, Salah. All. Klopp.

Dove vederla

Milan-Liverpool si giocherà martedì 7 dicembre allo stadio San Siro di Milano: la gara inizierà alle ore 21. La sfida del Meazza verrà trasmessa in diretta da Sky sui canali Sky Sport Uno (201) e Sky Sport (numero 252). L’alternativa in chiaro è rappresentata da Mediaset, che manderà in onda il match su Canale 5. Gli abbonati di Sky possono seguire il match in diretta streaming attraverso Sky Go, piattaforma dedicata agli abbonati, collegandosi al portale tramite pc o notebook o in alternativa scaricando l'app relativa per i sistemi iOS o Android se si accede tramite smartphone o tablet. Un’ulteriore opzione è rappresentata da NOW, il servizio streaming on demand di Sky, accessibile con l’acquisto del pacchetto 'Sport'. Infine la partita sarà fruibile anche su Sportmediaset, collegandosi sul sito ufficiale da pc, o tramite la relativa app Mediaset Play, disponibile per smartphone e tablet.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?