Quotidiano Nazionale logo
7 dic 2021

Champions League, Milan fuori dall'Europa: 2-1 per il Liverpool

Tomori illude i rossoneri, Salah e Origi firmano la rimonta dei Reds

ilaria checchi
Sport
delusione Milan dopo il gol del 2 a 1
Milan vs Liverpool
UEFA Champions League
fase a gironi 6a giornata - gruppo B
Milano 07-12-2021
Stadio Giuseppe Meazza - San Siro
foto Roberto Garavaglia/ag. Aldo Liverani sas
/AGENZIA ALDO LIVERANI SAS
La delusione rossonera

Milano, 7 dicembre 2021 – Serata da dentro o fuori per il Milan, che a San Siro ospita il Liverpool per sperare nel passaggio agli ottavi di Champions League: lo stadio ha dato il giusto tributo a un match di tale importanza e 57mila supporters hanno gremito gli spalti del Meazza. La vittoria è l’unico risultato possibile per i rossoneri, che devono contare anche nel pareggio tra Porto e Atletico Madrid. I Reds sono ampiamente qualificati e primi del girone mentre il Diavolo è adesso a quattro punti come gli spagnoli, e a uno solo di distanza dal secondo posto occupato dal Porto. Alla fine il Liverpool vince 2-1 rimontando l’illusorio vantaggio di casa firmato Tomori: inglesi quindi a bottino pieno e Milan fuori dall’Europa.

In campo

Stefano Pioli manda in campo dal 1' Kalulu, e punta su Messias e Krunic come esterni con Brahim Diaz al centro. Attacco affidato a Zlatan Ibrahimovic. Turnover nei Reds ma Klopp (alla sua prima volta a San Siro) punta dal primo minuto su Salah e Mané.

Botta e risposta

L’olandese Makkelie dà il fischio di inizio e il primo tiro della partita è di marca inglese al 4’ con Williams ma la conclusione è facile preda di Maignan. All’ 8’ i rossoneri si guadagnano un buon calcio di punizione sulla sinistra, della battuta si fa carico Messias ma il successivo colpo di testa di Tomori è troppo debole e centrale e Allison para senza problemi. Il Milan mostra in capo grande coraggio e voglia di imporre il proprio gioco con grande cura anche nella fase difensiva. Al 17 Theo Hernandez sfrutta un lancio in profondità e scatta a sinistra ma Phillips lo ferma con un intervento provvidenziale, mentre tre minuti dopo è Konate a provare la girata di testa ma la palla termina alta sopra la traversa. La partita resta comunque bloccata e le due squadre si annullano senza creare grandi chances per smuovere lo score anche se gli ospiti conquistano alcuni corner da sfruttare al meglio: su uno di questi il tentativo di Mané viene smorzato e Tonali spazza l’area senza pensarci. Al 29’, però, il Diavolo trova il gol del vantaggio: Ibra si conquista un corner prezioso dopo un passaggio perfetto di Tonali, dall’angolino Messias disegna la traiettoria giusta per permettere a Tomori di infilare Allison in ribattuta. La risposta del Liverpool arriva con una conclusione di Origi al 32’ dall'interno dell'area di rigore ma Maignan para con prontezza: al 36’ i Reds pareggiano con Salah dopo la prima conclusione di Chamberlain, respinta non bene da Maignan. Il portiere di casa non può nulla, infatti, sul facile tap-in di Salah, che riporta in parità il match. Tutto da rifare per il Diavolo che nonostante il gol incassato continua ad avere un atteggiamento propositivo cercando di sfruttare gli spazi lasciati dagli ospiti: nei due minuti di recupero concessi dall’arbitro, però, lo score non cambia e i rossoneri tornano negli spogliatoi consapevoli di dover trovare un altro gol per continuare a sperare nel passaggio del turno.

Sogno infranto

Nessun cambio nel corso dell’intervallo per i due tecnici e gli stessi 22 del primo tempo tornano in campo: è di Minamino il primo tiro della ripresa al 48’ ma la mira non è delle migliori. Due minuti dopo il Milan protesta per un fallo in area di rigore di Tsimikas su Kessié ma per l’arbitro è tutto regolare, mentre un minuto dopo è ancora Salah a scaricare una conclusione respinta da Maignan. Al 55’, però, il Liverpool passa in vantaggio disattenzione difensiva rossonera, Sané calcia, Maignan respinge ancora una volta ma Origi di testa ribadisce in rete il gol dell’1-2. Pioli corre ai ripari e al 59’ entrano Bennacer e Saelemaekers per Tonali e Brahim Diaz: i casalinghi non demordon e al 61’ Messias serve Krunic che prova la conclusione terminata alta di poco. Klopp fa uscire Salah e Mane per Gomez e Keita mentre i rossoneri cambiano ancora, fuori Kalulu e dentro Florenzi ma al 70’ è ancora pericoloso Origi con un colpo di testa che termina di poco a lato: i padroni di casa cercano di reagire e di segnare quantomeno il gol del pareggio ma le velleità rossonere non sono così pericolose da impensierire l’attenta difesa ospite. Al 76’ Theo Hernandez mette un buon pallone in mezzo dal fondo ma Alisson è attento e anticipa Messias di un soffio, mentre un minuto dopo Ibra serve ancora Messias che si fa dire ancora una volta no dal portiere ospite. All’82’ Zlatan colpisce la barriera su calcio di punizione e Bakayoko per Krunic è la mossa di Pioli per gli ultimi dieci minuti di match, con lo svedese un minuto dopo a tentare una rovesciata spedendo però il pallone lontano dai pali. All’85’, invece, Kessié a tu per tu con Alisson prova un pallonetto ma il portiere brasiliano gli chiude la strada, stesso dicasi per il tentativo dell’ivoriano di testa poco dopo, fuori misura. Dopo le due occasioni clamorose capitate al 79 rossonero il Milan ci prova ancora nei tre minuti di recupero dati da Makkelie ma lo score non cambia: il Liverpool sfiora il tris con Chamberlain ma Maignan si oppone con il fisico, Klopp butta in mischia Woltman e Bradley mentre il tiro di Saelemaekers murato è il canto del cigno rossonero. Reds primi a punteggio pieno, Diavolo che termina qui la sua avventura europea.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?