Milano, 9 luglio 2018 - Massimiliano Mirabelli è categorico: "Escluso che Suso possa andare all'Inter". Il ds del Milan non fa polemica ma apre eventualmente ad una cessione solo per l'estero. "Per quanto mi riguarda, i procuratori possono parlare, ma escludo in modo categorico che Suso possa andare all'Inter. Ha una clausola per l'estero e ha sempre dichiarato di voler restare al Milan. Ma escludo che possa andare all'Inter. Finora nessun giocatore o agente è venuto a dire che vuole lasciare il Milan". La confusione che regna all'interno del club non permette di programmare la stagione: "Siamo in una fase in cui dovremo capire: non sappiamo se giocheremo o meno l'Europa League, se avremo più o meno disponibilità economica, se dovremo fare un mercato a saldo zero. Abbiamo delle idee in entrata e in uscita, non dobbiamo necessariamente fare cessioni importanti. A meno che non venga qualcuno a dire che vuole andare via. Halilovic? È una scommessa che mettiamo in mano a Rino: vediamo cosa ci restituisce in un anno di questo grande talento che si è perso

REBUS ATTACCANTE. Nei mesi sono stati accostati tanti nomi al Milan: Morata, Immobile, Belotti, Zaza"Morata e Immobile? Non abbiamo mai fatto nomi - rassicura Mirabelli - per illudere nessuno. Certamente noi, nel momento in cui uscirà qualche attaccante, dovrà prenderne qualcuno che dovrà essere sulla carta superiore a quelli che abbiamo e che siano funzionali al gioco di Gattuso. Abbiamo la consapevolezza di conoscere quelle che sono le dinamiche del mercato, al momento opportuno vedremo". Il punto sui rinnovi è rapido: "Li abbiamo portati tutti a termine tranne uno, che riguarda un giovane. Ora abbiamo giocatori con contratti abbastanza lunghi ma pensiamo, tra 2-3 mesi, di sederci al tavolo con qualcun altro, come per esempio Bonaventura".