Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
15 apr 2022

Milan-Genoa, le pagelle rossonere: Leao e Messias fanno scatenare San Siro

Kalulu sempre più duttile, Giroud manca l'appuntamento con il gol

15 apr 2022
ilaria checchi
Sport
Rafael Leao (Milan)
Milan vs Genoa
Campionato Serie A TIM - 33a giornata
Milano 15-04-2022
Stadio Giuseppe Meazza - San Siro
foto Roberto Garavaglia/ag. Aldo Liverani sas/AGENZIA ALDO LIVERANI SAS
Leao
Rafael Leao (Milan)
Milan vs Genoa
Campionato Serie A TIM - 33a giornata
Milano 15-04-2022
Stadio Giuseppe Meazza - San Siro
foto Roberto Garavaglia/ag. Aldo Liverani sas/AGENZIA ALDO LIVERANI SAS
Leao

Milano, 15 aprile 2022 – Il Milan vuole mantenere la vetta e per farlo deve battere il Genoa a San Siro, ritrovando la via del gol dopo due pareggi consecutivi per 0-0. Missione compiuta e Genoa battuto per 2-0.

Ecco le pagelle rossonere:

Milan (4-2-3-1):

Maignan 6 Poco impegnato per tutto il corso del match, se non sulla pericolosa deviazione di Gabbia che ha rischiato l’autogol.

Kalulu 7 Torna a presidiare il lato destro dopo tante partite da centrale di difesa e si fa subito vedere offrendo l’assist giusto per il gol del vantaggio di Leao. Chiude da centrale con l’ingresso di Krunic.

Gabbia 6 Si rivede centrale per il forfait di Calabria last minute e regala una prova matura e attenta. Rischia l’autogol ma alza bandiera manca per infortunio

73’ Krunic 6 Entra per uno scampolo di gara importante come terzino destro.

Tomori 6 Solita personalità al servizio del gruppo: leader della difesa rossonera.

Theo Hernandez 6 Incursioni micidiali tra le fila rossoblù a cui manca solo l’ultimo passaggio per diventar letali.

Tonali 6 Comanda in mezzo al campo senza commettere errori: intercetta palloni e si sbatte come al solito fino alla fine.

Bennacer 6,5 Torna a disposizione e lotta come un leone su ogni pallone che gli passa tra i piedi. Fondamentale.

85’ Brahim Diaz sv.

Saelemaekers 5,5 Nel primo tempo spreca la chance del raddoppio spedendo alle stelle un ottimo pallone di Kessié. Si ripete a inizio ripresa mancando l’appuntamento con il 2-0. Poco ficcante.

60’ Messias 7 Si accende a cinque minuti dalla fine segnando il gol del raddoppio. Cinismo allo stato puro.

Kessie 6 San Siro gli riserva i soliti fischi fin dalla lettura delle formazioni ma lui regala una prova generosa con un paio di spunti interessanti.

Leao 7 L’urlo liberatorio del portoghese al gol del vantaggio è condiviso dagli oltre 70mila di San Siro: la rete avversaria viene nuovamente gonfiata grazie al suo mancino chirurgico.

85’ Ballo-Touré sv.

Giroud 5,5 Prima frazione di gioco vissuta in ombra, ben controllato da Ostigard e Bani. Si divora il gol del raddoppio a inizio ripresa non trovando la porta in acrobazia su sponda di Saelemaekers palesando tutta la sua frustrazione.

60’ Rebic 5,5 Gioca da falso 9 ma invece che attaccare la porta predilige servire i compagni.

All. Pioli 6,5 Ritrova i gol in attacco ma perde pezzi in difesa, vedi Calabria e Gabbia. Poco conta, l’importante erano i tre punti e la vetta mantenuta prima di un derby infuocato. Il Milan è vivo.

Voto squadra 6,5.

A disposizione: Tatarusanu, Mirante,Calabria, Bakayoko, Maldini, Lazetic.

Genoa (4-2-3-1): Sirigu; Hefti, Ostigard, Bani, Vásquez; Galdames, Badelj; Ekuban, Amiri, Frendrup; Piccoli. A disposizione: Semper, Marchetti, Criscito, Masiello, Melegoni, Gudmundsson, Ghiglione, Destro, Azevedo, Yeboah, Maksimovic, Portanova. All. Blessin.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?