Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Milan, cinque gare per prendere quota

Cagliari, Atalanta, Empoli, Sassuolo e Chievo: abbordabili per arrivare al derby davanti ai cugini

di LUCA TALOTTA
Ultimo aggiornamento il 7 settembre 2018 alle 08:06
Gennaro Gattuso (Ansa)

Milano, 7 settembre 2018 - Cinque partite e quindici punti, per rilanciare le ambizioni del Milan, rendere ancora più salda la panchina di Gennaro Gattuso scacciandone il demone di Antonio Conte e presentarsi al derby con l’Inter ancora più forti. Non è solo la vittoria all’ultimo minuto contro la Roma ad aver permesso ai rossoneri di vivere sonni tranquilli, ma anche la consapevolezza che il calendario di Serie A metterà di fronte ora cinque squadre assolutamente alla portata.

L’imperativo categorico è vincere: alla ripresa del campionato i rossoneri saranno impegnati prima a Cagliari, per poi affrontare nell’ordine Atalanta (a San Siro), Empoli, Sassuolo e Chievo (nuovamente alla Scala del calcio). Sulla carta, dunque, tutte gare dove Higuain e compagni possono davvero dire la loro e sognare di arrivare al derby del 21 ottobre davanti ai cugini nerazzurri; un filotto che potrebbe tradursi in grande forza mentale, condizione ideale per affrontare una gara da sempre impronosticabile. Sarà un periodo molto intenso, nel quale Gattuso dovrà essere bravo a coordinare le forze a disposizione: detto di Higuain, che contro le cinque già citate ha messo a segno in carriera 33 reti in 41 sfide giocate, molto ci si aspetta da tutti i nuovi arrivi che finora non hanno trovato molto spazio. Anche contro la Roma gli ingressi in campo di Laxalt e Castillejo nel finale di partita hanno evidenziato che una certa scossa al gioco del Milan c’è stata.

E dunque ecco aspettarsi molto da Caldara al centro della difesa e Bakayoko in mezzo al campo, con l’inserimento dei già citati Laxalt e Castillejo sulle corsie offensive per innescare, assieme a Calhanoglu, l’arma letale Higuain. Per il quale è stato rinviato ancora una volta l’appuntamento con la prima rete con la maglia del Milan: ma si tratta solo di un rinvio di nozze già annunciate. Ieri intanto seduta di allenamento mattutina per la squadra, che si è chiusa con la classica partitella a campo ridotto. Gattuso, vista l’assenza di Bonaventura e Kessié, ha lavorato molto con Bakayoko, dal momento che l’ex Chelsea non è stato convocato dalla Francia, la prima vera alternativa ai due in mediana. Oggi si replica, con un’altra seduta mattutina: domani amichevole a Milanello contro la Pro Piacenza. 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.