Paquetà al Milan (Ansa)
Paquetà al Milan (Ansa)

Milano, 9 gennaio 2019 - Nel giorno di Paquetà si allunga l’ombra, inesorabile, grande ed impegnativa, di Higuain. Con la regia di un Leonardo che ha messo in chiaro le cose: questo Milan, per crescere, ha sì bisogno della vivacità del funambolo ex Flamengo, ma soprattutto di ritrovare il suo attaccante principe. Che deve rimettersi in carreggiata e, con fisico e soprattutto mente, capire che deve trascinare questa squadra: «Bisogna che si assuma le proprie responsabilità – ha sentenziato il d.g. dell’area tecnica – non ‘sì, no, però, non so’. Ha vissuto un momento di difficoltà, ora però deve smettere e pedalare». Ritrovare Higuain, i suoi gol e le sue convinzioni per il Milan è soprattutto una necessità. Perché in chiave mercato le nubi appaiono non diradarsi: «Bisogna capire cosa possiamo fare», ha tagliato corto Leonardo. Che ha fatto comprendere come il Milan abbia in canna diverse operazioni, al momento tutte congelate a causa del Fair Play Finanziario: «Quello di Paquetà è un investimento importante ma siamo consci dei paletti – ha proseguito – dobbiamo soffrire un po’ tutti assieme; in questa sessione non ci saranno altri investimenti così importanti. Il Milan il fascino non l’ha mai perso e noi puntiamo su questo». In attesa di capire come vorrà agire Elliott, per ora Leonardo ha di fatto le mani bloccate: «Non penso che dall’incontro di venerdì arriveranno indicazioni definitive – prosegue – per ora si possono fare operazioni in prestito con diritto di riscatto, ma non è detto che tutti accettino questa soluzione».

Motivo per il quale il ritorno di Higuain è da considerarsi come primario: «Deve smettere di stare dietro alle voci di mercato: il gol cambia, ora si prenda le sue responsabilità», ha continuato Leonardo, col chiaro riferimento a tutti i rumors legati a Chelsea e Sarri (lunedì sera l’intermediario Ramadani avrebbe incontrato Paratici, ma i Blues non vogliono investire sugli over 30). Chi potrebbe far tornare il sorriso a Higuain è proprio Paquetà: «Spero di poter aiutare lui e tutti altri a segnare e vincere», le sue prime parole da milanista. Un debutto che potrebbe avvenire già mercoledì 16, in occasione della gara che metterà il Milan di fronte alla Juve a Gedda per l’assegnazione della Supercoppa Italiana: «Ho giocato con Higuain alla Playstation, ora me lo ritrovo qui al mio fianco – conclude Paquetà –. Gattuso? Anche lui giocava nel mio team virtuale e oggi è il mio allenatore. Mi ha ricevuto molto bene. Il mio ruolo? Vorrei giocare a centrocampo, ma al Flamengo ho agito anche da seconda punta»