Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Inter: Spalletti chiama, Nainggolan risponde presente

Dopo oltre un mese di stop, il ninja potrebbe esordire in campionato

di GIULIO MOLA
Ultimo aggiornamento il 30 agosto 2018 alle 11:21
Radja Nainggolan (Alive)

Appiano Gentile (Como), 30 agosto 2018 - Un'attesa che mancava da troppo tempo, un’emozione che riporta indietro negli anni, quando la musichetta di Champions era una piacevole consuetudine a San Siro. Sei anni dopo ecco finalmente l’Inter in Champions: fra poche ore durante il sorteggio verranno snocciolati i nomi delle avversarie dei nerazzurri, quasi tutte di blasone visto che il club di Suning riparte da una “fascia” bassa.

Ma “chissenefrega”, ripetono i tifosi. L’importante è tornare a sognare la coppa dalle grandi orecchie e ad annusare l’aria delle grandi sfide. Per trovare un match di Champions dell’Inter bisogna tornare al 13 marzo del 2012: ultima partita di “Coppa Campioni” a San Siro, contro l’OM di Brandao che fece piangere Andrea Stramaccioni e i suoi. Era l’Inter post-Triplete, in fase di ricostruzione dopo i fasti del Bernabeu. C’erano ancora Milito, Julio Cesar, Sneijder e Zanetti. Ma pure Forlan, Ricky Alvarez e Castaignos. Insomma, il ricambio generazionale non si era completato. Oggi, dopo un anno senza Europa, i nerazzurri possono tornare a sorridere. La Champions se la sono guadagnata a fatica sul campo, con un gruppo infarcito di campioni sul cui talento nessuno discute. Il problema è fare dell’Inter non tanti piedi buoni gettati all’ammasso, ma una squadra vera, equilibrata, con carattere. Quello che è sparito nelle prime due giornate, come se all’improvviso fosse venuto meno il lungo e prezioso lavoro di Spalletti durato un anno.

Si dice che manchi un leader, ma dopo un mercato intelligente e di qualità, il concetto è mortificante per società e allenatore. Vero, si aspetta il rientro di Nainggolan come se fosse il Messia, ma davvero sarà l’ex giallorosso l’uomo della Provvidenza, quello in grado di ricucire gli strappi fra i vari reparti e ridare “fame“ al gruppo? Tra l’altro Nainggolan, recuperato dall’infortunio che lo ha tenuto ai box da oltre un mese (ieri è stato provato trequartista alle spalle di Perisic e Icardi) forse non avrà ancora tutti i novanta minuti nelle gambe. O forse ripartirà dalla panchina. Certamente il suo ingresso in campo darà la scossa, ma in questo momento deve essere tutto il gruppo a reagire. La trasferta di sabato a Bologna diventa già fondamentale per le sorti dell’Inter perché in caso di nuovo passo falso tutto l’ambiente potrebbe deprimersi. E non sarebbe neppure il modo migliore per preparare il tanto atteso ritorno in Champions.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.