Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Champions League, l'Inter presenta la lista: fuori Gagliardini e Dalbert

L’esclusione del centrocampista consentirà un risparmio di 27 milioni alla voce “uscite”

di ALICE NIDASIO
Ultimo aggiornamento il 4 settembre 2018 alle 11:00
Roberto Gagliardini (Alive)

Milano, 4 settembre 2018 -  Gagliardini out: il dubbio era tra l’ex Atalanta classe ’94 e Vecino, e purtroppo per Spalletti non riguardava scelte di formazione, ma l’esclusione di una pedina importante dalla lista Champions per la fase a gironi. La società infatti, dovendo sottostare anche per questa stagione al settlement agreement dell’UEFA a causa del mancato rispetto di alcuni paletti relativi agli ammortamenti, era soggetta a due restrizioni. Innanzitutto in termini numerici: l’Inter era tenuta a presentare una lista di 22 giocatori e non 25 come prevede il regolamento, col vincolo di quattro provenienti da vivai italiani e due dal settore giovanile del club.

Per la seconda  categoria una delle due caselle disponibili sarebbe stata riservata a Santon, ma considerato che il terzino è stato ceduto alla Roma nell’affare che ha portato a Milano Nainggolan, la società nerazzurra ha rinunciato in partenza a quel posto. Oltre al vincolo numerico, c’era poi quello economico: la lista doveva mantenere equilibrio tra entrate e uscite relative al mercato dell’ultimo biennio. Nel 2016/17, per avere le carte in regola e partecipare all’Europa League ottemperando ai vincoli del Fair Play Finanziario, vennero esclusi Gabigol, Kondogbia e Jovetic. Oggi, a fronte delle operazioni di mercato che hanno portato l’Inter a incassare circa 90 milioni, ma anche a spendere cifre rilevanti per innesti come Nainggolan, Martinez o Skriniar, Spalletti ha dovuto rinunciare ad un nome importante, in aggiunta a quelli di Dalbert e Joao Mario. La scelta di escludere Roberto Gagliardini consentirà al club un risparmio di circa 27 milioni alla voce “uscite”. Alla prima fase a gironi della Champions League 2018/19 accederanno quindi ufficialmente Handanovic, Vrsaljko, De Vrij, Vecino, Icardi, Lautaro Martinez, Keita Balde, Ranocchia, Nainggolan, Politano, Asamoah, Borja Valero, Miranda, Padelli, D’Ambrosio, Skriniar, Perisic, Berni, Brozovic, Candreva e Di Gennaro (in lista B Gavioli, Dekic, Nolan, Roric, Zappa e Corrado).

Di ufficialità  ieri ne è arrivata anche un’altra, questa volta dalla FIFA, che ha chiuso il caso Modric senza nemmeno avviare un’indagine: “Non luogo a procedere” è il responso dell’organismo internazionale alle richieste del Real. L’Inter, almeno in quest’ambito, può finalmente sorridere.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.