Matias Vecino
Matias Vecino

Milano, 5 dicembre 2018 - Dall’Inter di palleggiatori a quella dei corazzieri. Luciano Spalletti ha tentato la carta del centrocampo “leggero”, contro la Roma, inserendo contemporaneamente Joao Mario, Brozovic e Borja Valero. Risultati altalenanti: bene in uscita di palla, malino nel contrasto. Difficile, contro una Juve fisicamente debordante, che il tecnico faccia ancora a meno di Matias Vecino. Vero è che sarebbe salutare gestire le forze in vista del confronto di martedì contro il Psv Eindhoven, in cui i nerazzurri si giocano la qualificazione agli ottavi di Champions, ma il derby d’Italia non è gara in cui si può fare turnover. Giocheranno i migliori, a partire dalla coppia centrale formata da Milan Skriniar e Stephan De Vrij. Entrambi erano presenti ieri al San Siro Store a Milano per la presentazione di Inter Hits, iniziativa natalizia con cui la società ha pubblicato un cd da regalare a Natale ai tifosi nerazzurri. Skriniar, di cui di recente si è parlato spesso per ragioni di mercato, ha messo i bianconeri nel mirino.

«Sarà una gara difficile, ma noi siamo una grande squadra e potevamo vincere anche con la Roma. Ora dobbiamo andare a Torino e provare a fare lo stesso – dice ai microfoni di Sky –. Ronaldo? E’ chiaro che lui è difficile da marcare, ma non saremo concentrati solo su di lui. Loro sono forti, le hanno vinte quasi tutte, ma noi lo siamo altrettanto e possiamo vincere». Lo slovacco dimostra di avere grande fiducia nei propri mezzi, ma i numeri dicono che nelle ultime tre gare la squadra ha subito sei reti, segno di una fase difensiva da migliorare. «Non è cambiato nulla. Forse è perché abbiamo affrontato squadre forti – sottolinea De Vrij –. Sarà una bellissima sfida tra due squadre forti. È bello sfidare attaccanti come quelli bianconeri. Anche noi abbiamo dimostrato di essere forti, ce la giochiamo». Sarebbe stato molto utile, per Spalletti, poter rafforzare la trequarti con Radja Nainggolan. Molto difficilmente sarà così: ieri il belga si è allenato a parte, nel giorno di riposo del resto del gruppo. Farà lo stesso anche oggi. Ci sarà regolarmente il tecnico, che dopo l’espulsione con la Roma è stato punito dal giudice sportivo con una semplice ammonizione con diffida.