Quotidiano Nazionale logo
11 mag 2022

Juve-Inter, le pagelle: Dimarco ridà vigore, Perisic determinante nel momento chiave

Coppa Italia: Calhanoglu non brilla, ma segna il rigore del pari. Erroraccio di Handanovic

mattia todisco
Sport
Inter Milan's Croatian midfielder Ivan Perisic celebrates after scoring  during the Italian Cup (Coppa Italia) final football match between Juventus and Inter on May 11, 2022 at the Olympic stadium in Rome. (Photo by Isabella BONOTTO / AFP)
Ivan Perisic

Milano, 11 maggio 2022 - L'Inter vince l'ottava Coppa Italia della sua storia battendo in finale la Juventus ai tempi supplementari per 4-2, dopo il 2-2 dei regolamentari.

HANDANOVIC 5.
Già a fine primo tempo ha collezionato un buon numero di interventi, di cui uno su Vlahovic ad alto coefficiente di difficoltà. Sull'1-1, tocco o no di Morata, sbaglia l'intervento.

D'AMBROSIO 5,5.
Non riesce a evitare il ribaltone della Juventus, cerca l'intervento alla disperata ma Vlahovic lo mette a sedere.

DE VRIJ 7.
Si prende “cura” di Vlahovic cercando di negargli la profondità. Nei supplementari conquista il rigore che Perisic trasforma.

SKRINIAR 6,5.
Adattato a sinistra per l'assenza di Bastoni. Non è a suo agio come sul lato opposto, soprattutto quando deve impostare.

DARMIAN 6.
Tiene basso il raggio d'azione, occupandosi più dell'attaccante esterno della Juventus che non di tentare l'offensiva. Ha però una buona occasione subito dopo il 2-1 dei bianconeri.

BARELLA 6,5.
Segna un gran gol, punendo l'errore dei bianconeri di lasciargli tanto campo per colpire.

BROZOVIC 7.
Il primo a cui guardano i compagni quando bisogna impostare, da Handanovic ai difensori. Qualche errore, ma evita il pari della Juve poco prima del 4-2 di Perisic.

CALHANOGLU 6,5.
Gioca una partita di contenimento, ma non sempre intuisce dove scappa Zakaria. Quando ha la palla buona dal limite scivola al momento di calciare. Glaciale sul rigore.

PERISIC 8.
Trova spazio per l'uno contro uno sul lato sinistro, riesce anche a mettere qualche pallone in mezzo ma non arrivano quasi mai ai compagni. Fino alla sponda che provoca il rigore. Nei supplementari segna anche il penalty del 3-2 e tira fuori un coniglio dal cilindro per il poker.

MARTINEZ 6.
I palloni che transitano dalle sue parti sono spesso ingiocabili e lui non trova spesso il modo di andare a prenderne di “puliti”. Guadagna il rigore del 2-2.

DZEKO 5.
La sfida ad alta fisicità contro Chiellini lo vede quasi sempre soccombere.

All. INZAGHI 7.
Batte di nuovo la Juve e si prende il secondo trofeo della stagione.

DIMARCO 6,5.
Ci prova spesso sia al tiro che con i cross. Grazie anche a lui l'Inter ritrova vigore nei tentativi offensivi.

DUMFRIES 6.
Si vede poco nell'assalto dell'Inter che porta al 2-2. Poi controlla la situazione a destra.

CORREA 6.
Senza strafare riesce a rendersi utile alla causa, sbagliando poco.

VIDAL 6.
Gestisce il pallone con l'Inter avanti.

SANCHEZ 6.
Qualche buono spunto nei supplementari.

BASTONI sv.

VOTO INTER 7.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?