Quotidiano Nazionale logo
10 dic 2021

Inter-Cagliari, riecco De Vrij. Barella torna sull'espulsione: "Chiedo scusa"

Possibile chance in attacco per Sanchez al posto di uno tra Martinez e Dzeko

mattia todisco
Sport
featured image
Stefan De Vrij

Milano - L'Inter si prepara per la sfida di campionato contro il Cagliari in programma domenica. A due giorni dalla sfida, in cui sarà un atteso ex, a parlare è Nicolò Barella. Il centrocampista si è scusato attraverso i microfoni di Sky Sport per l'espulsione patita in Champions League che gli costerà uno o due turni negli ottavi di finale. “Mi dispiace perché, rivedendolo, è una scena che non mi piace – dice - Una brutta reazione, anche Militao ha sbagliato a spingermi contro i cartelloni, Potevamo evitare entrambi, io ho sbagliato a cadere in un tranello. Chiedo scusa a tutti perché ho lasciato in dieci la squadra in una gara importante ed è ciò che mi dispiace di più. La partita col Real comunque ci lascia consapevolezza, siamo andati a Madrid a fare la gara e siamo stati condannati dagli episodi, come il mio gol sbagliato davanti alla porta. Stava a noi mettere la gara in una determinata direzione, ci rimane la consapevolezza per il futuro”.

Barella ha parlato anche dell'apporto di Inzaghi in questa stagione. “Ciò che abbiamo vissuto l'anno scorso ci dà tanta consapevolezza – dice -, abbiamo uno scudetto sul petto, abbiamo imparato dai nostri errori. Poi il mister Inzaghi ci ha dato un qualcosa in più, magari la serenità, probabilmente quello ci ha aiutato dopo due anni intensi e difficili che ci hanno dato tante soddisfazioni”. Buona notizia dall'infermeria, domenica contro il Cagliari al Meazza tornerà Stefan De Vrij, già in panchina per tutta la partita a Madrid. Stavolta dovrebbe scendere in campo dal 1' con Skriniar e Bastoni al suo fianco. Recuperato anche Denzel Dumfries per la fascia destra, in attacco non si esclude una possibilità per Sanchez al posto di uno tra Martinez e Dzeko.

Oltre ad essere anti-vigilia dell'impegno di Serie A per l'Inter il 10 dicembre segna il centenario dalla nascita di Giuseppe Prisco, “l'avvocato” per antonomasia nel mondo nerazzurro. Dopodomani, 12 dicembre, cadranno invece vent'anni dalla scomparsa, avvenuta nel 2001. Poche settimane fa è passato un altro anniversario che riguarda da vicino Prisco: cinquant'anni dalla “partita della lattina”, Borussia Moenchengladbach-Inter, dopo la quale il legale della società lavorò per la ripetizione (ottenuta) della sfida di Coppa dei Campioni.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?