SPETTACOLO DI PRISICLLA E DRAG QUEEN
SPETTACOLO DI PRISICLLA E DRAG QUEEN

Milano, 20 giugno 2015 - Festa arcobaleno a Expo 2015. Il Padiglione Usa ha ospitato una giornata per “promuovere l’uguaglianza” con un dibattito sui diritti della comunità Lgbt e il “party più colorato di Expo”, dove si è celebrata l’anteprima del  Milano Pride, aprendo la settimana di eventi che precederanno la parata del 27 giugno. La giornata è stata aperta da una conferenza stampa sulla terrazza del Padiglione a cui hanno partecipato membri del Governo italiano e americano, leader della Comunità Lgbt, celebrità, rappresentanti di altri Padiglioni presenti ad Expo ed supporter dei diritti Lgbt.

Tra gli ospiti, l’ambasciatore Douglas Hickey, commissario generale del Padiglione Usa, il commissario Giuseppe Sala, il vicesindaco Ada Lucia De Cesaris, l’assessore alle Politiche sociali del Comune Pierfrancesco Majorino, la senatrice Monica Cirinnà, relatrice del disegno di Legge sulle unioni civili, Sergio Lo Giudice, senatore e membro della Commissione Permanente Giustizia e Diritti Umani, Ivan Scalfarotto, sottosegretario al Ministero delle Riforme e dei Rapporti con il Parlamento, Fabio Pellegatta, presidente dell’Arcigay, Simon Nugent, attivista irlandese della Campagna “YES”, lo scrittore Sebastiano Mauri e lo chef e attivista Art Smith.

 

HICKEY - “Uno dei temi del Padiglione Usa è la diversità - ha detto Hickey, commissario generale del Padiglione Usa - intesa come varietà della provenienza dei nostri cittadini e delle nostre idee. Siamo felici di ospitare presso il nostro Padiglione il primo evento Lgbt nella storia di Expo. Siamo al fianco di tutte le nazioni e i padiglioni che si sono uniti a noi oggi per supportare l’uguaglianza di diritti a livello globale, così come siamo impegnati insieme ad essi nell’affrontare la sfida della sicurezza alimentare”. È "un momento storico per Expo": così il commissario generale del padiglione Usa e "orgoglioso padre di figlio gay".

SALA - "Io e Expo sosterremo ogni iniziativa che promuova le pari opportunità". Lo ha detto il commissario unico di Expo Giuseppe Sala. "Siamo stati presenti il 16 maggio quando abbiamo firmato un protocollo per le pari opportunità e contro le discriminazioni. Siamo qui oggi e lo saremo più avanti. Abbiamo ancora quattro mesi di tempo fino alla fine di Expo - ha aggiunto Sala - siamo qui ad aspettare che ci propongano iniziative in questo senso". Sulla presenza a Expo di padiglioni di Paesi in cui non vengono riconosciuti i diritti civili agli omosessuali Sala ha sottolineato che "c’è un clima di dialogo. Al di là di qualche strumentalizzazione non vedo nessuno lamentarsi di una manifestazione come questa".

Un momento dell'inaugurazione del Milano Pride al Padiglione Usa

MAJORINO - "L’Italia non può più aspettare. Bisogna togliere il Paese dall’arretratezza medioevale causata dall’immobilismo delle istituzioni", ha detto l’assessore alle Politiche sociali del comune di Milano Pierfrancesco Majorino. "Oggi si apre ufficialmente la settimana in vista del Milano Pride di sabato prossimo, ed è un merito di Sala e di Expo, avere costruito oggi un’alleanza che sia da sponda per il movimento Lgbt. Per noi al comune di Milano tutti i modi di amarsi sono ‘famiglià e il nostro obiettivo - ha sottolineato Majorino - è il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Non ci sono poveri gay, ma uomini e donne da riconoscere".

GLI EVENTI - Numerose le iniziative aperte al pubblico nel corso della giornata sulla terrazza del Padiglione Usa, dalle 12 alle 18. Il programma prevede musica, performance live dell’Lgbt choir, la presenza di corner dedicati alla decorazione di cupcake, angoli per scattare fotografie, un’area per la realizzazione di tatuaggi temporanei, magliette brandizzate con i colori arcobaleno, oltre ad una spettacolare performance degli attori del musical Priscilla, La Regina del Deserto (FOTO). Alle 18.30 la terrazza del Padiglione ospiterà un vero party, animato dai DJ del Join the Gap e altre performance. Molti paesi e aziende presenti ad Expo Milano 2015 hanno aderito all’iniziativa, riservando un ingresso privilegiato ai Padiglioni a tutti i membri e i supporter della comunità Lgbt che si sono presentati con lo speciale tatuaggio temporaneo con il logo arcobaleno creato specificatamente per l’occasione. 

-