La festa del gelato a Expo (LaPresse)
La festa del gelato a Expo (LaPresse)

Milano, 15 agosto 2015 - Una giornata particolare quella di Ferragosto ad Expo, dedicata al gelato e all'anguria. Il commissario unico di Expo, Giuseppe Sala, ha così commentato in occasione dell'installazione di una scultura di anguria realizzata da Coldiretti all'incrocio tra cardo e decumano, raffigurante la scritta 'Expo 2015': «Siamo riusciti a organizzare un Ferragosto nel massimo della tradizione, con gelato, anguria e melone».

Tante le proposte golose che hanno potuto apprezzare i visitatori durante la giornata; a cominciare dai cornetti “Share the love” di Algida a un prezzo vantaggioso oppure il gusto speciale studiato appositamente da Grom per la festa, a base di yogurt, lamponi e mandorle. Il Chiosco Oldani ha preparato un gelato al basilico, salsa di pomodorino crudo e mandorle tostate, mentre “Rigoletto” ha deliziato con un gelato alla birra, in collaborazione con il birrificio Poretti. Grande festa anche nei cluster, con assaggi ai visitatori offerti da Pernigotti; al Cluster Cereali e Tuberi ecco il gelato alla vaniglia di Rigoletto abbinato al panettone, mentre al Biomed la Sicilia ha preparato granite al limone, anguria e frutta fresca. Notevole anche la partecipazione dei Paesi: dall’Austria, con delizie agli aromi del bosco e mirtilli rossi, all’Angola, con gusti esotici; dal gelato speciale al fico del Bahrain a quello allo zafferano dell’Iran. E poi le prelibatezze al mais e avocado del Messico, le creazioni ad hoc del mastro gelataio d’Israele, le degustazioni russe e la “Dame blanche” del Belgio, gelato con cioccolato nero e speciali praline

Sala ha poi parlato degli obiettivi fissati per l'esposizione universale: "Arriveremo all'obiettivo di 20 milioni di visitatori. Il nostro appello di venire a Expo a passare questo giorno di festa è stato accolto da tantissimi e per fortuna il tempo ci ha aiutato - ha proseguito -. Tutti si stanno divertendo. Oggi ho visto soprattutto famiglie con carrozzine, stasera ci saranno più giovani, ma insomma Expo è qualcosa che piace a tutti. Questo ci spinge a lavorare al meglio per continuare a inventare sempre nuovi modi di essere ospitali».

Sala ha definito successo di agosto «una totale sorpresa, pensavamo che avremmo avuto meno visitatori», e invece «alcuni padiglioni hanno addirittura dovuto richiamare il personale in ferie». «Agosto ci sta aiutando - ha concluso - e penso che arriveremo all'obiettivo dei 20 milioni di visitatori».