Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Crisi Valtur, dipendenti con il fiato sospeso

A Milano 100 licenziamenti: "Speriamo in un imprenditore coraggioso"

di ANDREA GIANNI
Ultimo aggiornamento il 10 aprile 2018 alle 10:35
I lavoratori del gruppo Valtur (NewPress)

Milano, 10 aprile 2018 - Ogni giorno si presentano puntuali al lavoro, rispondono alle telefonate e ai messaggi dei clienti preoccupati, che hanno prenotato una vacanza nei villaggi sparsi sulla penisola ora a rischio chiusura. Sperano nell’intervento di un «imprenditore coraggioso», in grado di salvare il gruppo Valtur, in liquidazione, e i posti di lavoro. Solo a Milano, dove si trova il quartier generale della società, sono un centinaio i dipendenti che rischiano il licenziamento. A questi si aggiungono oltre 1.500 lavoratori stagionali o con contratti a termine in tutta Italia. Ieri i dipendenti si sono incontrati alla Camera del lavoro di Milano e hanno lanciato la campagna social #Siamogentevaltur, dopo che il fondo Investindustrial di Andrea Bonomi ha chiesto il concordato preventivo «senza prospettiva di prosieguo delle attività». «Lavoro in Valtur da 38 anni - spiega Lilli Maiolo, responsabile amministrativo - mio marito è già stato messo in mobilità e rischiamo di rimanere senza un reddito. Ci sono già stati periodi difficili, ma Valtur per noi è come una famiglia, un posto dove si lavora con il sorriso». Una preoccupazione condivisa da Rosaria Renna, contabile da 16 anni in Valtur, e da tutti i dipendenti.

Si apre una corsa contro il tempo, perché la stagione turistica è ormai alle porte e la chiusura dei villaggi significherebbe la fine di ogni speranza. «Chiediamo un intervento deciso del ministero dello Sviluppo economico - spiega Luca De Zolt, sindacalista della Filcams-Cgil - deve mettere alle strette gli investitori disponibili, perché Valtur è una realtà viva e attiva. Bisogna evitare soluzioni “spezzatino”». Con la chiusura l’Italia rischierebbe di perdere oltre un milione di turisti l’anno. Nell’inverno 2017/2018 Valtur ha visto crescere le presenze del 20,1% con un aumento del fatturato del 24%, mentre nell’estate scorsa le presenze sono cresciute del 19,3% e il fatturato del 32,6%. Secondo il responsabile vendite Italia, Manuel Schiavuta, i dati dimostrano che «il turismo è un comparto strategico e Valtur è stata in grado di fare grandi risultati». Nonostante i risultati, però, la società è finita in liquidazione e sono partite le procedure per il licenziamento collettivo dei dipendenti, che attendono sviluppi con il fiato sospeso.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.