Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

A Milano arriva StartRefugees.com, la piattaforma che aiuta i migranti a trovare un lavoro

I centri di accoglienza possono caricare i profili dei richiedenti asilo che vengono visualizzati da imprese e privati

Ultimo aggiornamento il 15 maggio 2018 alle 18:56
Migranti al lavoro a Milano

Milano, 15 maggio 2018 - Lamine, senegalese di 22 anni, nel suo Paese ha lavorato come giardiniere, muratore, elettricista e imbianchino. Nurkhan, afgano di 26 anni, ha lavorato in un mattatoio in Grecia e come barista in Germania (anche all'Oktober fest).

Sono due dei 220 profili caricati da realtà del terzo settore sulla piattaforma StartRefugees.com, start up nata per offrire opportunità di lavoro occasionale a richiedenti asilo e rifugiati. E' stata fondata da Mauro Orso, già  ideatore della piattaforma ISpoon (dedicata sempre al lavoro occasionale), da Maurizio Astuni, commercialista, in collaborazione con il consorzio sociale genovese Agora'. Sostenuta da Banca Etica con un prestito di 140 mila euro, dopo un periodo di rodaggio e' sbarcata a Milano e in Lombardia. Il meccanismo di StartRefugees è semplice. I centri di accoglienza possono accedere alla piattaforma e caricare i profili dei richiedenti asilo. Imprese e privati che vogliono offrire un lavoro occasionale (massimo 500 ore all'anno per persona) possono scegliere tra i curricula e contattare il gestore del centro di accoglienza. "Non siamo un'agenzia per il lavoro - tiene a precisare Maurizio Astuni - noi non guadagnano nulla dalla prestazione lavorativa del richiedente asilo. Il compenso entra tutto nelle tasche del lavoratore. Sono i gestori dei centri di accoglienza che ci pagano un corrispettivo, pari a 7 euro al mese, per ogni profilo pubblicato". 

Oggi la piattaforma, dopo sei mesi di rodaggio a Genova, è stata presentata a Milano e nel corso dell'anno sbarcherà anche a Roma, Bologna e Torino. "Puntiamo sul coinvolgimento del terzo settore, delle imprese e dei privati
presenti nel territorio", conclude Maurizio Astuni.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.