Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
25 lug 2022
andrea spinelli
Cultura
25 lug 2022

I "rovere" domani in concerto al Magnolia: "Milano ti faremo saltare con noi"

La band: "All’aperto un clima diverso rispetto ai club. Dopo il tour si torna a scrivere"

25 lug 2022
andrea spinelli
Cultura
featured image
I rovere
featured image
I rovere

Trovate questo articolo all'interno della newslette r "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Cronache marziane. Rimandato l’atterraggio primaverile sul palco dell’Alcatraz, la navicella dei bolognesi rovere (minuscola obbligatoria) punta in direzione Magnolia, dove plana domani sera prima di riprendere quel volo che il 2 settembre la vede transitare pure all’Nxt Station di Bergamo. Un viaggio nello spazio e nel tempo di “Dalla terra a marte”, l’album coprodotto da Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari da cui affiora buona parte del repertorio che nell’euforia del live Nelson, Luca, Stiva, Marco e Davide sommano ad imprescindibili frammenti di passato come “Caccia militare” o “tadb”.

Nelson, l’inizio del concerto è “bowiano” come nel disco, in cui strizzate l’occhio al Maggiore Tom di “Space oddity”?

"Sì, perché apriamo con lo stesso brano di ‘Dalla terra a marte’ in modo da incanalare tutto in quella direzione. Siamo contenti, infatti, della recezione avuta dall’album; un disco prende vita quando ai concerti senti la gente cantarlo con te. E a sorprenderci è soprattutto l’attenzione prestata alle canzoni rimaste più nell’ombra, quelle che non vengono trasformate in singoli".

Cosa cambia rispetto al live che avevate pensato inizialmente per i palasport?

"Alla scaletta che avevamo preparato per i palasport abbiamo aggiunto il nuovo singolo “Sottacqua’, che facciamo assieme a Chiamamifaro (Angelica Gori - ndr), a cui a Milano è affidato pure il set d’apertura dello spettacolo. Ma ciò che cambia di più rispetto al tour al chiuso è il mood. Lo spirito con cui vai ad ascoltare assieme agli amici una band sotto le stelle, infatti, è molto diverso da quello del club dove l’animo è forse più festaiolo, ma meno rilassato".

Tra Milano e Bergamo come cambiano gli umori dei fan?

"Sono due pubblici abbastanza simili. Quello di Milano, con la gran mole di concerti che ha a disposizione durante l’anno, è un po’ più esigente e difficile da conquistare, ma se ci riesci sa già che la regola è ‘saltare, sudare, cantare’ e non si fa pregare per applicarla".

Una volta tornati da Marte cosa farete?

"C’è la volontà di ricominciare a scrivere, attività che inizieremo già ad agosto perché tra il concerto di Milano e le date successive c’è quasi un mese di stop. E poi, speriamo di toglierci la soddisfazione di riuscire a suonare (finalmente) nei club".

Che altri viaggi vi attendono?

"Non ne ho la minima idea. Anche quello dalla terra a Marte è arrivato inatteso, visto che abbiamo scritto il disco quasi per intero durante la quarantena del 2020. Ci siamo trovati in viaggio e basta".

 

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?