La stazione di Lambrate agli inizi degli anni Trenta
La stazione di Lambrate agli inizi degli anni Trenta

Me piasarìa savè perché a la stazion de Lambrà se sent la vos del speaker che la dis ogni tant: Il treno delle 13.05 per Albairate Vermezzo è in arrivo con un ritardo previsto di 5 minuti. Hinn i 13.15, el ritard effettiv l’è de des minut. fra pocch el sarà de on quart d’ora, e l’altoparlant el seguta a di’ «ritardo previsto di cinque minuti». E quest per tanti treni in partenza da la stazion. Pensi che a la Central disarann la stessa solfa. Ma se l’è «previst», el ritard, perché dill insci! L’è minga mej dì el treno di 13 e 5 el rivarà cont on ritard de 5 minutt, o anca de des, o anca de quindes. Fermemes li’ perché el treno euccessiv l’è ai 13.35. Se per caso l’è minga in ritard anca lù ris’ciom de avegh do’ treni in fila sul stess binari. L’hoo ditt a on ferrovier. “Impossibile” l’ha respondu cont sarcasmo e on legger accento de Bolzan. “ I due treni si sovrapporrebbero”. “El voeur dì - torni a domandà sornion - che lo spazio tempo occuparia in on binari duu trèni che entren l’on su l’alter magara in collision?” El m’ha vardà cont duu oeucc «adess te freghi» poeu l’ha mollà la question e l’è andà via tutt inrabbient e vosand “avii capìi vialter de la Trenord? Causa «ritardo previsto» me ciappen per el …cù!”. Ma se voeur dì “previsto?!” 

I solit vacabolari (Bur, Dizionari Rizzoli. Doc nuovo Devoto olicompatto e il De Agostini, disen, «Part. Pass. di prevedere. Saputo in anticipo. Un caso previsto dal regolamento. Contemplato o immaginato prima del suo verificarsi (mai success in ferrovia) il momento previsto (cioè l’è partì o rivà o tornà prima del previsto). Prima e minga depoeu, cioè dopo» Vada varda. El regolament el dis che i treni poden rivà e partì foeura orari. Ma se el fatto el succed tucc i dì e se sa mai perché (l’ho domandà’ na volta a on ferrovier de passagg e m’ha respondu: le savemm nanca numm el voeur savell lu’?) me piasaria che me se disess «perché el regolament le preved». L’è on tribuleri che el partiss sbagliaa. Se el ritard l’è «previst» se sa giamò perché. Podeven organizzà, prima, on provvediment, ò ben (oppure) vessigh ona comunicazion diversa: “Il treno ecc. ecc delle ore 13.05, in partenza da Saronno per Albairate Vermezzo partirà dal Binario 3 alle ore 13.15, se arriva, con un ritardo imprevisto (attenti all’ agg,), non previsto, inatteso, di 15 minuti”. E allora sì che capissom e mettom el coeur in pas. 

Risolta la question del previsto cont l’imprevisto esaminemm quella di ritard. Possibil tutti i dì la stessa solfa? Ma gh’è nissun a corregg la ròtta? A trovà el perché su la stessa linea, da ona vita, se verifica el meddemm ritard? Senza cuntà i treni che vegnen e van a Bressa, quej che vann a Lodi, quej che vegnen da Bergamo, da Parma, da alter stazion, in ritard anca lor? Cont el brutt o bell temp? L’è minga question de imprevisteria o de inattesità. L’è on’ abitudin. Senti giamò i vos de la partenza da Saronn o da Albairà o da Parma. “Semm in orari… partemm.” “No, ferma, on moment anmò. Te voeuret partì in orari? Te se matt. Te farett s’cioppà el cò ai viaggiator che se spetten de sentì l’altoparlante annonzià on ritard qualsiasi.” Se el treno el riva in orari o el partiss puntual, se domandaran “Come mai? Te voeuret vedè che hann cambià quel ciolla del regolament? Che i ritard sarann pù previst? Che i controllor tegnerann sgombra la linea anca per i TreNord? e minga domà per le Frecce che fra pocch se cjamaran tricolori e lassaran la scia colorada in ògni stazion?! 


E parlemm de on alter cartel che me fa’ vegnì el mal de co’. El leggiom ai entrad de la tangenziale Est. “Accertamenti per violazione mancato pedaggio”. Minga per fa’ el sofistich ma certi volt capissi no el perché de ‘sti avvertiment. S’el voeur dì? On quaivun el dovariss spiegammel. Già me s’eri domanda’ quand i tornell de la metrò (metrò a la francesa e minga mètro che el voeur di ‘ unità fondamentale di misura’) de San Babila, Lorett, Lambra’, Cologno Nord eren liber nel sens che la gent la podeva sortì senza l’obbliterazion del bigliett. Dopo circa on para d’ann s’hinn decis a fa’ timbrà anca in quej stazion. Ma perché i controll del pedaggio i a fann minga in autostrada? S’el voeur dì annonziaii su la tangenzial in doa “le uscite” a hinn liber, idest (cioè) se paga nient sia in entrada che in sortida? Se te vegnet da on casell t’è paga’ el bigliett, se te entret in ona Uscita (Lucio Flauto el diseva perché quando entro in palcoscenico ‘esco’ in scena e quando ‘esco dal palcoscenico ‘entro’ in quinta?) t’el devet minga pagall. Cossa voeur dì “accertamenti per violazione mancato pedaggio?”. Cossa te controllen se te set entraa al Forlanini e sortii a Camm! O alter stazion de la Est, de la Nord, de la Ovest o de la Sud?! 

Voeuren mett sul chi va là i automobilisti? Ma paghen giamò. Tutt: la benzina, el pedagg, l’autogrill, la gonfiadura dei gomm, i veder lavà, la macchina netta foeura e denter, l’oli, el grass, i gomm, i bus che te spacchen i ammortizzador, el postegg, i mult. Sembra che el faghen per scoraggià chi el voeur viaggià in macchina e incentivà l’uso dei mezzi pubblici. E quand ti e voeuret brancà (sic) ‘sti mezzi riven mai, mai.
Ona domenega che portavi a ca’ cont la mia macchina l’Enrico Intra gh’hoo avù ona panne propri davanti al Luna Park dell’idroscalo. 
L’Intra l’ha decis de ciappà el 73 che gh’aveva la fermada propri squas in doe me ‘s’eri fermaa mì. L’ha spettada 45 minutt. Hoo faa a temp a riparà el guasto e a tirall su anmò. Anca nei mezzi pubblici sopprimen, cambien fermada, fann fa’ al viaggiator on gir divers da quell che lu el faseva de solit, domandand scusa via radio. Scusa de chi, de là, de su, de giò’, l’è minga l’Italia dei Cachi, come el diseva Elio de le Storie Tese, ma lIitalia di scùs, di predich, di cartej spostaa, di vandalismi, l’Italia che i stranger consideren on paes “scisciabobon” e che i ‘talian denigren comportandosi minga tanto civilmente anca quand podarissen fall.