Milano, 20 novembre 2010 - Domenica 21 novembre e domenica 12 dicembre Il Comune di Milano – Consiglio di Zona 1, propone due passeggiate gratuite curate dall’associazione culturale Città Nascosta di Milano alla scoperta di due luoghi significativi per l’arte, la storia e l’artigianato, ancora oggi tra i più importanti simboli dell’eccellenza di Milano.

L’associazione culturale Città Nascosta Milano, nata nel marzo 2010, diretta filiazione di quella romana fondata nel 1990, promuove la riscoperta di una delle città più nascoste d’Italia. Attraverso un programma trimestrale, propone una serie di itinerari pensati per immergersi, passeggiando, nelle vie di Milano, nei suoi palazzi normalmente chiusi al pubblico. Recuperare aneddoti e particolarità dimenticate, curiosare tra le collezioni di piccoli musei sconosciuti, entrare negli studi di artisti e designer per osservarli all’opera. Lo scopo è quello di dare un significato a ciò che si vede quotidianamente e di suggerire ai visitatori di alzare lo sguardo e allenare l’immaginazione.

 

Le due iniziative in programma sono:
Domenica 21 novembre ore 11: apertura straordinaria della Fornace Curti e dei suoi studi d’artista. Appuntamento in via Tobagi 8. Fondata nel 1450, da 500 anni è in mano alla stessa famiglia. È la più antica fornace, tutt’ora in funzione, esistente al mondo. Nei suoi forni sono state cotte le formelle e i mattoni sagomati della Ca’ Granda del Filarete, i fregi architettonici della Certosa di Pavia ma anche opere di importanti scultori contemporanei. Una passeggiata alla scoperta della storia dell’argilla e della sua lavorazione. La visita prosegue negli studi d’artista che occupano i piani superiori di alcune ali della Fornace accessibili solo due volte l’anno.

Domenica 12 dicembre ore 15: il quadrilatero del silenzio. Tra Liberty ed Eclittismo. Appuntamento in corso Venezia, angolo via Salvini sotto l’arco. Dove un tempo sorgevano conventi, vivai e boschi animati da partite di caccia, oggi ha sede uno dei più eleganti e silenziosi quartieri della città. Un itinerario tra splendide residenze patrizie e imponenti palazzi liberty. Da Palazzo Serbelloni, sede del Circolo della Stampa, a Casa Sola-Busca,
con il suo citofono a forma di orecchio. Casa Necchi-Campiglio, opera del Portaluppi, palazzo Invernizzi e i suoi fenicotteri per finire con l’inconfondibile profilo di palazzo Fidia, un incrocio tra un castello e una navicella spaziale.

Le visite sono gratuite, la prenotazione è obbligatoria e i posti sono limitati.
Per maggiori informazioni sull’iniziativa e per prenotare telefonare tel. 347-3661174 – fax. 02-89456196 [email protected] www.cittanascostamilano.it