Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
16 feb 2022

Via Ricciarelli, scatta la protesta "Basta con spaccio e abusivismo"

I residenti: non ne possiamo più di vivere in questo modo. Mascaretti (FdI): serve una svolta. La situazione è insostenibile

16 feb 2022
Le case popolari in via Ricciarelli, nel quartiere di San Siro
Le case popolari in via Ricciarelli, nel quartiere di San Siro
Le case popolari in via Ricciarelli, nel quartiere di San Siro
Le case popolari in via Ricciarelli, nel quartiere di San Siro
Le case popolari in via Ricciarelli, nel quartiere di San Siro
Le case popolari in via Ricciarelli, nel quartiere di San Siro

Via Bolla, ma non solo. Anche le case popolari di via Ricciarelli sono spesso al centro delle polemiche per il problemi legati al degrado e allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’ultima denuncia sull’emergenza sicurezza legata agli stabili gestiti da Aler arriva dal consigliere comunale di Fratelli d’Italia Andrea Mascaretti, che in una nota esordisce così: "Non c’è giorno che non riceva segnalazioni dai cittadini milanesi che ancora resistono in via Ricciarelli, tra moschea abusiva, case occupate, spaccio e macchine di lusso". Secondo l’esponente dell’opposizione di centrodestra a Palazzo Marino, quella di via Ricciarelli è una "situazione di degrado insostenibile e pericolosa. Ci sono attività a cui l’Ats dovrebbe fare un’ispezione, una moschea non autorizzata da chiudere, case da sgomberare e un po’ di delinquenti da arrestare. Da una parte sembra di stare in un suk, dall’altra chi abita le case popolari fatiscenti e che cadono a pezzi, può permettersi audi e mercedes da 100 mila euro. Ricettazione, spaccio. C’è solo l’imbarazzo della scelta nella via dove personaggi loschi di origine magrebina e rom la fanno da padroni mentre i pensionati che hanno avuto la sfortuna di comprare la casa anni fa ora vivono come i difensori di Fort Alamo". Mascaretti chiede una svolta: "Bisogna intervenire drasticamente e risolvere i problemi".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?