Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
16 giu 2022

"Una bella notizia anche se tardiva"

16 giu 2022

Cade l’obbligo di indossare la Ffp2 al chiuso nei teatri. Ma per lo Spazio Teatro 89 di via Fratelli Zoia – che ogni anno mette in scena un centinaio di spettacoli fra teatro, musica ed eventi con circa 250 posti a disposizione – non cambia nulla. L’ultimo appuntamento della stagione al chiuso è stato una settimana fa. Gli eventi estivi sono in programma in un’altra location, all’aperto: Cascina Cotica. Lo stop al dispositivo rimane comunque una bella notizia per Luca Schieppati (in foto), direttore artistico per i concerti di musica classica di Spazio Teatro 89, risolvendo "una piccola contraddizione", come la definisce, sull’uso obbligatorio della mascherina in sala e non nel bar interno al teatro. Dal primo maggio infatti l’obbligo di mascherine al chiuso era stato prorogato fino al 15 giugno solo per teatri, cinema, palazzetti dello sport al chiuso oltre a mezzi di trasporti, ospedali e scuole. In tutti gli altri luoghi chiusi pubblici o aperti al pubblico come bar, ristoranti, negozio o supermercati è restata solo la raccomandazione di indossare i dispositivi di protezione individuale. Non c’è però intento polemico: "Gli operatori di musica e teatro hanno sempre dimostrato il massimo della responsabilità apparendo sempre col sorriso sotto la mascherina anche durante il periodo delle restrizioni in vigore. Il pubblico ha dimostrato dal canto suo il suo amore per gli spettacoli non ribellandosi al piccolo sacrificio richiesto indossando la Fpp2 in ogni occasione. Anche se nelle ultime settimane c’era un po’ di insofferenza per l’alzarsi delle temperature gli spettatori hanno sempre rispettato le regole, senza creare alcun problema" spiega Schieppati. La partita si sposta su quello che accadrà a settembre: "Ci auguriamo che il pericolo del virus vada scemando e la necessità di compromessi venga meno. L’importante però è continuare a fare programmazione e per il pubblico la fruizione di bei spettacoli e concerti: se per farlo sarà necessario tornare ad indossare la mascherina, obbediremo. Peggio sarebbe una nuova chiusura".A.L.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?