Il sindaco Ezio Casati
Il sindaco Ezio Casati
di Rosario Palazzolo La data di partenza è il 12 aprile, ma sono già parecchie centinaia le prenotazioni giunte attraverso il sistema informatico di Poste Italiane. Paderno Dugnano avrà il suo centro vaccinale e sarà all’interno di un oratorio. Il nuovo hub, coordinato da Regione e Ats, nasce nel piano di ampliamento dei servizi previsti per la fase di vaccinazione di massa. Qui, a pieno, regime si dovrebbe arrivare a vaccinare fino a 900...

di Rosario Palazzolo

La data di partenza è il 12 aprile, ma sono già parecchie centinaia le prenotazioni giunte attraverso il sistema informatico di Poste Italiane. Paderno Dugnano avrà il suo centro vaccinale e sarà all’interno di un oratorio. Il nuovo hub, coordinato da Regione e Ats, nasce nel piano di ampliamento dei servizi previsti per la fase di vaccinazione di massa. Qui, a pieno, regime si dovrebbe arrivare a vaccinare fino a 900 pazienti al giorno: numero che prima d’ora nel Nord Milano non si è mai visto, nemmeno nel più grande hub dell’ospedale di Sesto San Giovanni.

A Paderno Dugnano confluiranno per ora tutti gli ultrasettantenni dei diversi comuni del Nord Milano, grazie a un esperimento di collaborazione tra pubblico, privato e soprattutto sociale.

Grande coraggio e lungimiranza quella di don Paolo Bocaccia, parroco della comunità di Santa Maria Nascente, che ha messo a disposizione l’oratorio San Giovanni Bosco di via De Marchi. L’attività sanitaria sarà affidata alla clinica San Carlo di Paderno, che metterà a disposizione sia i medici che gli infermieri necessari ad avviare almeno 10 linee di vaccinazione. Un ruolo fondamentale lo hanno i volontari di Croce rossa e protezione civile, già al lavoro insieme agli operai comunali e alle imprese per allestire le strutture in modo che tutto avvenga in sicurezza.

L’oratorio dovrà gestire un flusso costante di persone. Il Comune sta predisponendo i parcheggi. L’annuncio è arrivato dal sindaco che nel suo messaggio di auguri per la Pasqua ha rivelato i dettagli.

"È un progetto che abbiamo voluto fortemente, ma non sarebbe stato realizzabile se non ci fosse stata una così grande rete di solidarietà che coinvolge tutte le realtà del territorio – ha detto Ezio Casati –. Ci sarà qualche disagio che dovremo vivere. Vista la massa di persone che arriveranno ogni giorno, abbiamo deciso di dedicare i parcheggi di via Camposanto e quello adiacente l’oratorio . Ci sarà personale dedicato che guiderà gli automobilisti per evitare intoppi".

I pendolari diretti in stazione potranno continuare a usare i parcheggi di via Oslavia, tranne il martedì, giorno di mercato, quando saranno gratuiti quelli in via Pogliani, mentre il parcheggio di via Cazzaniga è libero tutti i giorni.