Quotidiano Nazionale logo
6 mag 2022

Un bando per le Palazzine Liberty. In Loreto restyling entro il 2026

I progetti per due punti iconici di Milano

giambattista anastasio
Cronaca
Le Palazzine Liberty sono state messe in sicurezza dopo occupazioni e relativi sgomberi e ora si apprestano a cercare una nuova destinazione, bando permettendo
Le Palazzine Liberty sono state messe in sicurezza

Milano - Le Palazzine Liberty da un lato, piazzale Loreto dall’altro. Due pezzi di città diversamente iconici, due pezzi di città che in modo diverso hanno incontrato il bando Reinventing Cities, non in quest’ultima edizione ma nella precedente, la seconda. Su entrambe ha risposto, ieri, l’assessore comunale alla Rigenerazione Urbana, Giancarlo Tancredi, che ha dato una scansione temporale degli interventi in agenda. Quanto alle Palazzine "a breve sarà fatto un bando per la loro assegnazione" ha assicurato l’esponente della Giunta guidata da Giuseppe Sala, a margine della presentazione della terza edizione del bando, in quel di Palazzo Reale. E non sarà un bando a prezzi di mercato. Come forse si ricorderà le Palazzine Liberty sono rimaste fuori dal progetto relativo alla riconversione e al rilancio dell’area dell’ex Macello di viale Molise, un progetto presentato e promosso proprio nell’ambito della seconda edizione di Reinventing Cities. Lo stesso Tancredi ha poi sottolineato come il completo sgombero degli edifici a novembre 2021 sia stato di cruciale importanza per l’area: "Intanto con l’assessore alla Sicurezza, Marco Granelli, abbiamo risolto il gravissimo problema dell’occupazione e l’abbiamo fatto appena insediata la Giunta. Ora le Palazzine sono in sicurezza e in custodia alla società Redo che si è resa disponibile a presidiarle e custodirle".

Quindi piazzale Loreto, progetto promosso da Reinventing Cities. "L’avvio dei lavori? Penso che ci voglia almeno un anno prima che si chiuda l’istruttoria, poi bisogna anche sentire l’operatore. Secondo me potrebbero partire nel 2024, magari anche alla fine del 2023, ma questo non dipende da noi. Di certo – aggiunge l’assessore comunale alla Rigenerazione Urbana – la durata dei centieri è stimata in un lasso di tempo che va dai 24 ai 36 mesi e l’operatore tiene moltissimo alla scadenza del 2026 (quando Milano ospiterà le Olimpiadi Invernali ndr) e ci teniamo anche noi". "Il progetto – precisa e conclude Tancredi – è complesso perché interessa anche tutti i mezzanini dell’Atm e tutta la mobilità. Ora siamo in una fase in cui dobbiamo trasferire il diritto di superficie delle aree all’operatore e abbiamo già avviato tutte le istruttorie tecniche".

In sintesi, il progetto ideato per la valorizzazione di piazzale Loreto prevede di dimezzare lo spazio oggi riservato alle auto restituendo alla città 24.000 metri quadrati di spazio pubblico, dei quali oltre 12.000, quindi più della metà, organizzati su piazze a tre livelli. Ma non solo: la continuità con corso Buenos Aires, da un lato, e viale Padova, dall’altro, sarà garantita attraverso un anello verde. Quello che oggi è solo uno snodo del traffico cittadino, domani, a progetto concluso, sarà uno spazio continuo e di aggregazione con possibilità di ospitare eventi.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?