Quotidiano Nazionale logo
11 mag 2022

Tornano i turisti e Milano riparte. Ad aprile numeri a livelli pre-Covid

Il mese scorso in città 587.717 visitatori, quasi come il 2019. Sala: risultato incredibile, ne abbiamo bisogno

massimiliano mingoia
Cronaca
Milanesi e turisti in centro nel sabato che precede la Pasqua a Milano, 16 aprile 2022.
ANSA/MOURAD BALTI TOUATI
La Galleria di Milano

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Chiamatela, se volete, la primavera del ritorno dei turisti. Sì, perché ad aprile, dopo un 2020 e un 2021 funestati dal crollo degli arrivi a causa dell’emergenza Covid, il numero dei visitatori a Milano è tornato quasi ai livelli pre-pandemia: 587.717 turisti rispetto ai 594.269 dell’aprile 2019, l’anno in cui il capoluogo lombardo toccò la cifra record di 7.463.654 visitatori (10.861.071 se si considera tutta l’area metropolitana milanese). Un picco che in città era crollato sia nell’“annus horribilis’’ 2020 (1.923.907 turisti) sia nel successivo – e ancora problematico sul fronte dei contagi – 2021 (3.368.787).

Il 2022 , invece, è partito con dati confortanti che mostrano una città in netta ripresa. Già lo scorso marzo i visitatori erano cresciuti fino quota 470.812, molti di più rispetto ai 32.373 del 2020 e ai 91.421 del 2021, ma un numero ancora distante dai 595.364 del marzo 2019. In aprile, invece, la percentuale di crescita rispetto all’aprile 2021 fa una certa impressione, +519%, e i turisti in numeri assoluti sono solo 6.552 in meno rispetto al 2019. Insomma, il capoluogo lombardo è già tornato ai livelli pre-Covid, un po’ a sorpresa, a sentire le parole del sindaco Giuseppe Sala: "Abbiamo avuto ieri (martedì, ndr ) i dati sul numero di turisti ad aprile e, secondo me quasi incredibilmente, abbiamo registrato gli stessi numeri dell’aprile 2019. Abbiamo bisogno di turisti e in questo momento ne vediamo in giro tanti". Sì, il primo cittadino dice "quasi incredibilmente", perché le previsioni di inizio 2022 raccontavano che il ritorno dei turisti ai livelli pre-Covid sarebbe avvenuto un po’ più avanti nel 2022. Ma la realtà, per una volta, sembra essere più positiva delle stime teoriche.

L’assessora comunale al Turismo Martina Riva legge i dati di aprile, parla di "ottima notizia per la città" e poi spiega perché i numeri del mese scorso sono andati al di là delle previsioni di qualche mese fa: "Gli operatori del settore turistico erano un po’ delusi per lo slittamento del Salone del Mobile a giugno. Ma già in aprile avere questi numeri, senza i turisti che arrivano dall’Est europeo, russi in primis, a causa della guerra, e dall’Asia, parlo soprattutto dei cinesi, è un segnale molto significativo. Ciò vuol dire che a Milano stanno arrivando soprattutto turisti europei e americani".

Al ritorno dei turisti nel capoluogo lombardo ha contribuito anche la campagna di comunicazione lanciata dal brand YesMilano, che nell’ultimo anno ha puntato proprio sul rilancio del territorio, non solo attraverso l’immagine di luoghi iconici, ma anche e soprattutto con la scoperta dei quartieri milanesi che rappresentano l’identità e l’anima della città. I prossimi grandi eventi in programma, da Piano City alla Design Week, dovrebbero contribuire a confermare il ritorno ai numeri pre-Covid. Se il trend proseguirà in questo modo, gli incassi da tassa di soggiorno potrebbero tornare ad avvicinarsi ai livelli del 2019. Una buona notizia per i conti di Palazzo Marino.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?