Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
17 giu 2022

Istituto tumori, cento pazienti curati con le Car-T

La casistica più alta d’Italia per la terapia genica, il 50% guarito dal linfoma. Marta: "La speranza per noi che non avevamo più alternative"

17 giu 2022
giulia bonezzi
Cronaca
featured image
La testimonianza di Marta Bortolotto
featured image
La testimonianza di Marta Bortolotto

Milano - Ha superato i cento pazienti trattati con le cellule Car-T l’Istituto nazionale dei tumori. È "la casistica più ampia in Italia", sottolinea il direttore generale Carlo Nicora, per questa terapia genica innovativa, utilizzata per alcuni tipi di malattie oncoematologiche, che l’Int ha iniziato a somministrare cinque anni fa, tra i primi centri in Italia. Una terapia personalizzata, che si basa sull’”ingegnerizzazione” di cellule immunitarie (linfociti T) del paziente, modificandole perché siano in grado di riconoscere e combattere le cellule tumorali. Una terapia "salvavita" per pazienti "che hanno esaurito tutte le altre opzioni terapeutiche", ricorda l’ematologo Paolo Corradini, professore in Statale e direttore dell’Ematologia dell’Irccs di via Venezian. Cosa significhi esattamente aver "esaurito le altre opzioni" lo racconta Marta Bortolotto, una dei cento, tutti adulti e in gran parte con linfoma, qualcuno con mieloma. Alle Car-T dell’Istituto dei tumori è arrivata nell’estate del 2019, a 34 anni e dopo tre di lotta contro un linfoma primitivo del mediastino che era tornato dopo due remissioni ed era stato battezzato "chemio e radioresistente", quando anche l’alternativa del trapianto di midollo osseo era svanita. Marta racconta il suo viaggio tra vari stadi di consapevolezza, dalla prima chemio con l’idea di "fare in fretta" alla prima recidiva che le svela come "l’esito delle terapie non era affatto scontato" e non c’era una "data fine certa"; dalla paura "della sofferenza" provocata dalle terapie alla paura che non ce ne siano più, "di diventare una di quelle persone che lottano ma alla fine non ce la fanno". "Nella lotta contro una malattia - dice Marta nell’aula magna di via Venezian - tante cose sono indispensabili: cure appropriate, personale competente e disponibile, il sostegno delle persone che ci circondano, una grandissima tenacia ma non può mancare anche la fortuna". Che a parità di tutto il resto "fa la ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?