Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
21 mag 2022

Tuffi proibiti nel Villoresi, Folli: "È pericoloso"

Il divieto di balneazione non ferma i bagnanti. Il presidente del Consorzio: correnti insidiose che creano difficoltà a nuotatori esperti

21 mag 2022
christian sormani
Cronaca
Alcuni ragazzi cercano riparo dal caldo tuffandosi nelle acque del Villoresi
Alcuni ragazzi cercano riparo dal caldo tuffandosi nelle acque del Villoresi
Alcuni ragazzi cercano riparo dal caldo tuffandosi nelle acque del Villoresi
Alcuni ragazzi cercano riparo dal caldo tuffandosi nelle acque del Villoresi
Alcuni ragazzi cercano riparo dal caldo tuffandosi nelle acque del Villoresi
Alcuni ragazzi cercano riparo dal caldo tuffandosi nelle acque del Villoresi

di Christian Sormani

Il termometro ieri pomeriggio nel legnanese ha toccato 33 gradi all’ombra. Una circostanza che sta già convincendo moltissimi giovani a tuffarsi nel canale Villoresi, nonostante i divieti e soprattutto nonostante i pericoli che questo gesto comporta. Sono a decine i ragazzi che da Villastanza verso Busto Garolfo usano l’acqua del canale per farsi i tuffi anche se la balneazione è vietata dalle ordinanze comunali in tutta la lunghezza del corso d’acqua artificiale. Da qualche giorno però sono a decine i bagnanti che si tuffano all’interno del canale irriguo che inizia dalla diga del Panperduto in località Somma Lombardo. In zona pensionati e ragazzi prediligono ormai da decenni i soliti posti ovvero le "Quattro Bocche" di Busto Garolfo, la chiusa di Villastanza e le tre bocche di Parabiago. Il presidente del Corsorzio Villoresi, Alessandro Folli, ha ribadito più volte il divieto di balneazione e i pericoli che riguardano tuffarsi dentro il canale: "I corsi d’acqua artificiali sono caratterizzati dalla presenza, in alcuni tratti, di correnti particolarmente insidiose in grado di mettere in difficoltà anche i nuotatori più esperti. La presenza inoltre di manufatti per la regolazione idraulica e la configurazione strutturale delle sponde, che rendono disagevole la fuoriuscita dall’alveo dei canali, accrescono notevolmente i pericoli per quanti vi si immergono". Peraltro la qualità delle acque spesso e volentieri è pessima. Qualche giorno fa alla chiusa di Villastanza sono giunti i vigili del fuoco del distaccamento di Legnano per recuperare diverse pecore che si erano incastrate a ridosso della presa di un canale laterale. Sul posto i sommozzatori arrivati da Milano oltre alla polizia locale e personale del Consorzio Villoresi e Arpa.

Intanto ieri mattina a Villastanza, sotto il ponte di via Borromini, un uomo si è impiccato proprio sul canale. A dare l’allarme sono stati alcuni passanti che stavano andando in bicicletta lungo l’argine del canale Villoresi. Sul posto i carabinieri e tutti i soccorsi. L’uomo era già morto. Si tratta di un 37enne che gesto volontario.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?