Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
19 giu 2022

I treni lombardi sotto scacco. Violenze, vandalismi, furti e rapine: denunce in crescita

Nei primi cinque mesi dell’anno 2.708 richieste d’intervento. Trenord: "Non possiamo garantire la sicurezza da soli"

19 giu 2022
andrea gianni
Cronaca
I controlli alla Stazione Centrale
I controlli alla Stazione Centrale
I controlli alla Stazione Centrale
I controlli alla Stazione Centrale

Una fitta sassaiola all’altezza della stazione di Calolziocorte, in provincia di Lecco, lo scorso 25 marzo ha bloccato la linea, costringendo a portare in deposito per le riparazioni tre treni di ultima generazione danneggiati. A gennaio, invece, un uomo di 32 anni, sorpreso senza biglietto sul treno Bergamo-Milano si è scagliato contro il controllore e un carabiniere fuori servizio intervenuto per bloccarlo. Quando infine è stato arrestato, a Sesto San Giovanni, è emerso che era la terza volta che si rendeva responsabile di episodi simili, sempre a bordo dei treni. Sono solo due delle situazioni critiche che ogni giorno, dai casi più eclatanti a episodi meno gravi, si registrano sulle linee di Trenord. Nel primi cinque mesi la Control room della società di trasporti lombarda ha ricevuto 2708 segnalazioni, anche per molestie sessuali a bordo. E a pagare le conseguenze, come sempre, sono i passeggeri che rispettano le regole.  Milano - La Control room security di Trenord, attiva 24 ore su 24, è stata allertata 2708 volte solo nei primi cinque mesi di quest’anno. In media 18 segnalazioni al giorno, soprattutto per problemi legati al comportamento dei passeggeri a bordo. Il bollettino delle emergenze su treni e stazioni in Lombardia parla di 655 atti vandalici da gennaio a maggio, 132 aggressioni, 170 minacce nei confronti dei controllori, 44 molestie verso altri passeggeri, 89 furti 26 rapine e 8 sabotaggi, fortunatamente senza gravi conseguenze. Sono in aumento anche le «situazioni critiche», ben 258 in cinque mesi, dovute alla presenza dei rider-pendolari che ogni giorno fanno la spola fra le province e Milano caricando le biciclette sulle carrozze destinate ai passeggeri. Un problema, al centro anche di incontri con la Prefettura di Milano, che resta senza una soluzione. «La sicurezza del “sistema treno” – ha spiegato l’amministratore delegato di Trenord, Marco Piuri – ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?