Quotidiano Nazionale logo
26 feb 2022

Trasporti, lo sciopero riesce Metrò chiusa, strade in tilt

Milano paralizzata, tutto come previsto. E i sindacati rilanciano l’appello: "Le aziende di trasporto si siedano al tavolo per rinnovare il contratto"

Giornata nera per i trasporti milanesi: metropolitane chiuse per l’alta adesione allo sciopero e traffico in tilt in tutta la città, tangenziali intasate dalla prima mattina fino a tarda sera, visti migliaia di pendolari costretti a prendere l’auto per andare a lavoro. Tutto come da previsioni, come da agitazione nazionale proclamata dai sindacati.

Dopo lo stop del mattino e la “serrata“ delle linee metropolitane, alle 18 il metrò è stato di nuovo chiuso e questa volta fino al termine del servizio. Atm ha comunque tentato di limitare i disagi attivando dopo la mezzanotte i mezzi sostitutivi notturni. Pesanti i disagi anche nel trasporto in superficie.

"Metro chiuse nelle principali città come Milano, Roma e Napoli ed una adesione media del 90% con punte fino al 100% in alcune località, tra autisti e personale addetto alla circolazione degli autobus sia urbani sia extraurbani". Soddisfatti i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl autofferrotranvieri sullo sciopero di 24 ore, sottolineando che "è un’ adesione molto alta, a dimostrazione della necessità di lavoratori e lavoratrici di vedere rinnovato il contratto nazionale con adeguamento di salari e condizioni di lavoro. Di fronte a questa alta partecipazione alla protesta per il rinnovo è ancor più necessaria la convocazione in sede istituzionale, alla presenza di tutti i soggetti coinvolti nella trattativa che da mesi non registra progressi per l’indisponibilità delle associazioni datoriali".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?