Quotidiano Nazionale logo
28 feb 2022

Superbonus, la giungla dell’edilizia. Irregolari nove cantieri su dieci

Spuntate dal nulla 11.600 nuove imprese, boom di infortuni: "Colpa di improvvisazione e controlli assenti"

andrea gianni
Cronaca
Cantiere edile
Cantiere edile

Milano - Irregolarità, per "aspetti contrattuali, assicurativi o di sicurezza", che emergono nel 91% dei cantieri edili controllati dall’Ispettorato del lavoro in uno scenario dove il rispetto delle regole diviene l’eccezione. Infortuni aumentati del 30% negli ultimi quattro mesi, ispezioni quasi inesistenti per carenza di personale e 11.600 nuove imprese edili spuntate come funghi solo nel 2021 per sfruttare il giro d’affari creato dal Superbonus. Elementi che, sommati, dipingono la giungla nel settore delle costruzioni. Un settore che sta conoscendo un exploit spinto dalle misure del Governo, con una zona grigia dove si nascondono frodi e diritti negati. "L’aumento del 30% degli infortuni è dovuto anche alla ripresa legata ai bonus", spiega Vito Panzarella, segretario generale Feneal Uil, in una videoinchiesta che la web tv della Uil Lombardia (www.sindacato.tv) ha dedicato al tema, online da oggi. "Chiediamo che l’accesso venga consentito solo alle imprese qualificate – prosegue – e che applicano il contratto edile". Sulla stessa linea anche Dario Firsech, responsabile Relazioni industriali e Affari sociali dell’associazione dei costruttori, Ance Lombardia. Paola Favarano, psicologa del lavoro di Stantec Italia, sottolinea che "nell’ultimo anno sono nate 11600 nuove imprese edili, con un procedimento semplice e senza dover dimostrare requisiti, con il solo scopo di sfruttare il Superbonus. Camminando per Milano è impossibile non accorgersi di quante impalcature ci sono con operai spesso senza adeguate protezioni". Quest’anno si sono già registrati in Lombardia 8 infortuni mortali sul lavoro, secondo i dati Ats. La maggior parte nel settore delle costruzioni. E i numeri sui “controllori“ sono impietosi. Nel 2014 erano in servizio in Lombardia 794 nuovi ispettori del lavoro, calati a 683 nel 2020 prima delle recenti assunzioni che dovrebbero migliorare la situazione. L’organico Ats preposto ai controlli e alla prevenzione era invece di 993 persone nel 2010, calato a 589 nel 2020. La ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?