Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
27 feb 2022

Strage di Nizza: giustizia lumaca, risarcimenti congelati

La prima udienza sei anni dopo l’attentato. I parenti delle vittime: abbandonati da due Stati

27 feb 2022
andrea gianni
Cronaca
Maria Grazia Ascoli, 72 anniMario Casati, 92 anni
La strage di Nizza con il tir lanciato sulla folla
Maria Grazia Ascoli, 72 anniMario Casati, 92 anni
La strage di Nizza con il tir lanciato sulla folla

Milamno - Quando si aprirà il processo di primo grado in Francia, il prossimo 5 settembre, saranno trascorsi più di sei anni dalla strage del 14 luglio 2016. Quella sera il terrorista franco-tunisino Mohamed Lahouaiej Bouhlel, 31 anni, invase con un tir la Promenade des Anglais a Nizza, travolgendo la folla radunata per i fuochi d’artificio della festa nazionale francese.

Fra le 86 persone uccise sei italiani: i milanesi Mario Casati e Maria Grazia Ascoli, i coniugi di Voghera Gianna Muset e Angelo D’Agostino, Carla Gaveglio e il giovane italo americano Nicolas Leslie. I loro parenti attendono ancora giustizia, così come le persone rimaste ferite, alcune con danni permanenti, in uno degli episodi più gravi nella stagione di attentati rivendicati dallo Stato Islamico che hanno insanguinato l’Europa. "Siamo stati dimenticati da due Stati, dall’Italia e della Francia", riflette Roberta Capelli, nuora dei coniugi di Voghera, che si trovavano a Nizza per festeggiare il pensionamento di D’Agostino. Tempi lunghi della giustizia francese e burocrazia italiana, infatti, impediscono alle vittime di ricevere la totalità degli indennizzi previsti dalla legge 206 del 2004 per le persone colpite dal terrorismo.

Ai parenti di un morto spetta una somma base di circa 200mila euro, mentre per i feriti varia a seconda del grado di invalidità. Soldi indispensabili anche per sostenere le spese mediche e psicologiche, dopo una tragedia che sconvolge la vita. "Tutto il mondo riconosce che quello di Nizza fu un attentato terroristico – spiega Roberto Della Rocca, presidente dell’Associazione italiana vittime del terrorismo – ma lo Stato Italiano per erogare gli indennizzi totali, oltre a un anticipo già corrisposto, ha bisogno di una sentenza. Una situazione assurda, che si è verificata anche con altri attentati. Noi chiediamo che si proceda immediatamente, entro il termine m di quattro mesi".

Lo stragista di Nizza fu ucciso dalla polizia francese. Andranno a processo a Parigi altre otto persone, coinvolte nell’inchiesta. Un primo passo avanti visto che le famiglie hanno atteso per anni, senza un segnale dalla giustizia. Intanto è alla Camera una proposta di legge bipartisan, con primo firmatario il deputato del Pd Andrea De Maria, per modificare alcune “storture“ della legge del 2004. L’obiettivo, tra gli altri, è "svincolare le vittime italiane civili, e in particolare i loro familiari superstiti, dalla necessità di acquisizione della sentenza". La proposta di legge, ispirata dall’Associazione vittime del terrorismo e dall’Unione familiari vittime, sottolinea che "a distanza di 17 anni dall’entrata in vigore" della legge del 2004 "la stratificazione delle norme e le rigidità dell’interpretazione e dell’applicazione amministrativa hanno prodotto asimmetria e disparità di trattamento". Il consenso politico per una riforma è larghissimo, e va dalla maggioranza all’opposizione. La vera incognita è legata ai tempi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?