Un ponteggio "in movimento" che permette di lavorare su strade, ponti e gallerie senza bloccare il traffico, limitando al minimo i disagi per gli automobilisti e riducendo tempi e costi del 30%. Il sistema “Chimera“, che permetterebbe di evitare quelle code sull’autostrada che stanno rendendo un’odissea il viaggio da Milano alla Liguria, è stato creato e brevettato da un team di ingegneri specializzati di DEDALO.Tech,...

Un ponteggio "in movimento" che permette di lavorare su strade, ponti e gallerie senza bloccare il traffico, limitando al minimo i disagi per gli automobilisti e riducendo tempi e costi del 30%. Il sistema “Chimera“, che permetterebbe di evitare quelle code sull’autostrada che stanno rendendo un’odissea il viaggio da Milano alla Liguria, è stato creato e brevettato da un team di ingegneri specializzati di DEDALO.Tech, una giovane realtà che sviluppa progetti specialistici per il settore delle opere provvisionali dei cantieri. È utilizzato da EuroEdile, società del settore, che opera a livello europeo, specializzata nel fornire soluzioni innovative per i cantieri di grande complessità.

"Si tratta di una piattaforma di lavoro mobile, sempre produttiva, che consente di evitare i classici smontaggi e successivi rimontaggi dei ponteggi – spiega l’ingegnere Alessandro Zanatta direttore commerciale EuroEdile - per un km di galleria, rispetto ad una installazione fissa, permetterà di risparmiare anche 10 giorni di lavoro. Questo prodotto è impiegabile in diversi contesti: gallerie, ponti e viadotti, muri di contenimento, ma può essere utilizzato anche per la manutenzione di aeromobili".

È già stato testato, con successo, durante lavori sull’autostrada dei Parchi, che attraversa l’Appennino dall’Abruzzo al Lazio. Il rimorchio, trainabile da qualsiasi mezzo di cantiere, garantisce agli operai di lavorare sempre in massima sicurezza grazie a un particolare sistema di controllo anti-ribaltamento con zavorre integrate. "È la prima soluzione - conclude Daniele Crosato della forza vendita di EuroEdile - che evita la congestione viaria perché può essere allestita fuori dalla carreggiata; questo elimina i tempi morti mettendo nella condizione di lavorare, fin da subito e contemporaneamente, più persone". Una "rivoluzione" nel campo dei cantieri stradali, che consentirebbe di ridurre le chiusure al traffico e i tempi di lavoro. "Si velocizzano le lavorazioni – sottolinea l’ingegnere Andrea Baron, responsabile tecnico DEDALO.Tech - senza la necessità di smontare e rimontare il ponteggio all’avanzare dei lavori".