Quotidiano Nazionale logo
18 feb 2022

Stop a San Vittore, scontro nel centrosinistra

L’assessore Riva: non è un carcere vivibile, meglio utilizzarlo come spazio per i giovani e la cultura. Il Pd: no al trasloco dei detenuti

massimiliano mingoia
Cronaca
L’assessore comunale allo Sport e ai Giovani Martina Riva interviene sul futuro di San Vittore
L’assessore comunale allo Sport e ai Giovani Martina Riva interviene sul futuro di San Vittore
L’assessore comunale allo Sport e ai Giovani Martina Riva interviene sul futuro di San Vittore

di Massimiliano Mingoia Sì al trasferimento del carcere di San Vittore. L’assessore comunale allo Sport e ai Giovani Martina Riva lancia il sasso nello stagno in un’intervista al Foglio ("San Vittore? Io sarei molto molto favorevole a ripensarlo nell’interesse dei detenuti. Andrebbe ripensato e anche spostato"), provoca le reazioni negative di una parte del Pd milanese, ma tiene il punto. La Riva, infatti, al Giorno spiega nei dettagli la sua posizione: "San Vittore così com’è non è un carcere vivibile, non è un luogo che può effettivamente ospitare in modo dignitoso la popolazione detenuta, che è da decenni superiore ai posti letto disponibili. È chiaro che sul sovraffollamento delle carceri dovrebbe intervenire il Parlamento, ma nel frattempo penso che Milano abbia il dovere di cercare una soluzione almeno per il caso concreto. Tra l’altro ricordiamo che San Vittore ospita per la maggior parte detenuti in attesa di giudizio, quindi presunti innocenti: la soluzione attuale è del tutto incompatibile con i diritti umani e rischi di privare i detenuti di ogni speranza, dell’energia che invece sarebbe necessaria per poter ricominciare". Non solo. L’assessore con un background politica nei Radicali e un’esperienza diretta come volontaria nelle carceri di Opera e Bollate ha un’idea anche su come potrebbe essere riutilizzato San Vittore una volta svuotato dai detenuti: "A Milano esiste un enorme problema di carenza di spazi: non sono sufficienti gli spazi per i giovani, per lo sport, per il mondo della cultura, per le biblioteche. Spostare San Vittore consentirebbe di restituire dignità ai detenuti e allo stesso tempo restituirebbe alla città un potenziale teatro di iniziative di valore. Parliamo sempre della necessità di nuovi spazi di aggregazione: da qualche parte bisognerà pur cominciare". La posizione della Riva fa discutere, anche perché in parte rilancia l’idea dell’ex candidato sindaco del centrodestra Luca Bernardo che lo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?