Carabinieri della Compagnia di Legnano
Carabinieri della Compagnia di Legnano

Milano, 12 febbraio 2019 - Portato a forza in mezzo ai boschi, denudato, pestato e rapinato. Mattinata da incubo, ieri, per un quattordicenne legnanese che verso le 7,30, come ogni mattina, si stava recando a scuola. Il ragazzino ha preso il bus in via Vespucci e una volta salito a bordo è stato subito avvicinato da quattro ragazzi più grandi di lui, tre giovani di colore ed un italiano. La baby-gang gli ha puntato un coltello alla schiena, intimandogli di stare zitto e di non scendere dal pullman. «Non muoverti, stai zitto e rimani su»: queste le parole del branco che ha terrorizzato il ragazzino. Alla fine il gruppetto è sceso insieme alla vittima nel rione di Mazzafame e da qui si è diretto dall’interno del bosco che si trova alle spalle dello stadio di via Pace. Qui, lontano da occhi indiscreti, il ragazzo è stato malmenato, colpito da una ginocchiata e poi denudato. I rapinatori gli hanno rubato le scarpe e la felpa, buttando il resto del vestiario e la cartella tra gli arbusti del bosco. Alla fine, non contenti, lo hanno spinto nel fango e quindi sono scappati, lasciandolo nel parco Alto Milanese.

«Mi ha chiamto col cellulare. Non si erano accorti che lo aveva nascosto in una tasca interna dei pantaloni» ha spiegato il padre del liceale legnanese. Il quale, dopo essere stato raggiunto dalla telefonata del figlio terrorizzato, ha subito allertato i carabinieri e ha raggiunto il figlio. «Era tutto sporco ed ovviamente molto scosso per quanto gli era accaduto. Abbiamo poi ritrovato la cartella ed i vestiti. Siamo davvero senza parole – concludono i familiari – anche perché nessuno sul bus è intervenuto in sua difesa».

Adesso è caccia al branco, una banda mista di stranieri e italiani probabilmente appena maggiorenni. «Mio figlio mi ha detto che parlavano di droga. Le rapine tutta probabilità servono per fare soldi e comprarsi le dosi. Persone normali non arrivano a fare questi atti. Rimango però basito sul fatto che nessuno sia intervenuto. Hanno visto mio figlio paralizzato dalla paura sul bus, così come lo hanno visto scendere e andare verso la boscaglia con gente poco raccomandabile. Ma nessuno ha fatto nulla, o chiesto spiegazioni». Il figlio ha raccontato ai genitori di non avere mai visto prima i propri aguzzini e di averli sentiti parlare di un’altra rapina che avevano intenzione di compiere ai danni di un altro sventurato. Adesso in città monta la paura fra famiglie e studenti.