Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
22 feb 2022

Sicurezza, la Lega porta una sveglia a Sala

Protesta lumbard in Consiglio comunale: "La città è allo sbando". La replica del Pd: "Più controlli in atto, i primi risultati in Porta Venezia"

22 feb 2022
massimiliano mingoia
Cronaca
La protesta dei leghisti in Consiglio comunale: Verri mostra un orologio-sveglia
La protesta dei leghisti in Consiglio comunale: Verri mostra un orologio-sveglia
La protesta dei leghisti in Consiglio comunale: Verri mostra un orologio-sveglia
La protesta dei leghisti in Consiglio comunale: Verri mostra un orologio-sveglia
La protesta dei leghisti in Consiglio comunale: Verri mostra un orologio-sveglia
La protesta dei leghisti in Consiglio comunale: Verri mostra un orologio-sveglia

di Massimiliano Mingoia "La città è allo sbando, Sala sveglia!". Consiglio comunale, ieri pomeriggio. Il capogruppo della Lega Alessandro Verri prende la parola, mostra un piccolo orologio-sveglia giallo e si rivolge al sindaco Giuseppe Sala per denunciare l’allarme sicurezza a Milano, dopo gli ultimi quattro accoltellamenti nella notte tra sabato e domenica in corso Como e dintorni. Gli altri consiglieri del Carroccio presenti in aula, da Silvia Sardone a Mariarosa Racca fino a Samuele Piscina e a Pietro Marrapodi, tirano fuori e mostrano cartelli bianchi con la scritta "Sala sveglia!". Subito dopo, Verri lascia il suo scranno e porta la sveglia gialla al primo cittadino. Il tema sicurezza, ancora una volta, provoca una polemica politica. Dopo le violenze sessuali in Piazza Duomo nella notte di Capodanno e gli altri fatti di cronaca nera che si sono susseguiti nelle settimane successive, la Lega continua il suo pressing contro l’amministrazione comunale di centrosinistra. Che il clima sul tema si stesse tornando a scaldare si era capito già domenica, quando il leader lumbard Matteo Salvini ha chiesto "un dibattito in Parlamento sull’emergenza sicurezza a Milano" e ha attaccato Luciana Lamorgese e Sala ("Ministro e sindaco, tante chiacchiere ma risultati zero"). E ieri pomeriggio, all’inizio della seduta del Consiglio comunale, la leghista Sardone ha subito affondato il colpo, quando ancora il primo cittadino non era in aula: "Siamo al punto di non ritorno. Milano è fuori controllo. Oltre all’incapacità di gestire la sicurezza a Milano, l’amministrazione di sinistra aggiunge la spocchia nel non ammettere il proprio fallimento". Clima caldo. E appena Sala è comparso nell’assemblea di Palazzo Marino, è scattata la protesta con tanto di sveglia. La replica da parte della maggioranza di centrosinistra non si fa attendere. Il presidente della commissione Sicurezza di Palazzo Marino, Michele Albiani (Pd), sottolinea che "la pagliacciata dell’opposizione in aula ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?