Quotidiano Nazionale logo
19 feb 2022

Sicurezza, “Adotta una telecamera”

Il progetto coinvolge gli esercenti con l’obiettivo di installare occhi elettronici in aree ancora scoperte

dimonica autunno
Cronaca
Il vicesindaco Carlo Maderna spiega che «grazie a un bando regionale abbiamo ottenuto il finanziamento»
Il vicesindaco Carlo Maderna spiega che «grazie a un bando regionale abbiamo ottenuto il finanziamento»
Il vicesindaco Carlo Maderna spiega che «grazie a un bando regionale abbiamo ottenuto il finanziamento»

di Monica Autunno Un bando regionale e finanziamenti per la videosorveglianza. L’idea era già nell’aria e ora diventa progetto: al via “Adotta una telecamera“. Fra commercianti inzaghesi e comune si stringe un’alleanza in funzione della sicurezza. Agli esercenti sarà proposta “l’adozione“, con versamento di un contributo pari al 10% del valore, di un nuovo impianto di videosorveglianza su aree pubbliche prossime ai loro esercizi. "In questo modo – commenta il vicesindaco Carlo Maderna – porteremo a casa un risultato importante per per tutti: per gli esercenti, che possono contribuire a una maggiore sicurezza dei loro negozi e delle zone dello shopping; per la cittadinanza e la clientela; per l’amministrazione comunale e per la collettività, perché si apre la possibilità di collocare un numero maggiore di impianti". L’ipotesi è già stata presentata qualche sera fa agli esercenti durante uno dei “Tavoli del commercio“ che vengono promossi quattro volte all’anno per confrontarsi proprio sulle problematiche della categoria. Le prossime settimane potrebbero vedere la formalizzazione del piano, con un apposito protocollo e formulari da compilare che saranno distribuiti nei negozi a cura degli agenti di polizia locale. L’idea di “Adotta una telecamera“ era stata messa sul piatto dall’amministrazione comunale Fumagalli già dai tempi dell’ultima campagna elettorale. Ora è giunto il momento di metterla in atto. "Partecipando a un bando regionale – continua Maderna – abbiamo portato a casa un finanziamento utile per implementare il nostro parco telecamere, per il quale, fra l’altro, abbiamo da poco proceduto alla sostituzione del server. Ne abbiamo in funzione al momento una trentina, andiamo a potenziare. La collocazione non sarà casuale: è in corso un check per definire quali sono le aree del territorio dove potrebbe essere utile o è necessario un nuovo impianto". Il progetto? "È molto semplice – spiega ancora –. Agli esercenti che vorranno aderire, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?