Solo il coraggio e la prontezza degli agenti di polizia locale hanno impedito che l’insano proposito dei due andasse a buon fine La coppia è stata arrestata processata per direttissima e posta ai domiciliari
Solo il coraggio e la prontezza degli agenti di polizia locale hanno impedito che l’insano proposito dei due andasse a buon fine La coppia è stata arrestata processata per direttissima e posta ai domiciliari
di Massimiliano Saggese Versano benzina in Comune a Rozzano e minacciano di dare fuoco se non ottengono la casa popolare: arrestati. E inviati ai domiciliari. Il fatto è accaduto mercoledì nella sede del Comune in piazza Foglia ma la notizia è stata segnalata ieri dai sindacati della polizia locale Cse Flpl e Sulpm. Responsabile del folle gesto una coppia rozzanese (lui con alcuni precedenti penali) che, entrata in Comune con una bottiglia contenente un litro e mezzo di benzina, l’ha versata sul pavimento. Mentre l’uomo impediva agli agenti di avvicinarsi, la donna era pronta con un accendino a dare...

di Massimiliano Saggese

Versano benzina in Comune a Rozzano e minacciano di dare fuoco se non ottengono la casa popolare: arrestati. E inviati ai domiciliari. Il fatto è accaduto mercoledì nella sede del Comune in piazza Foglia ma la notizia è stata segnalata ieri dai sindacati della polizia locale Cse Flpl e Sulpm. Responsabile del folle gesto una coppia rozzanese (lui con alcuni precedenti penali) che, entrata in Comune con una bottiglia contenente un litro e mezzo di benzina, l’ha versata sul pavimento. Mentre l’uomo impediva agli agenti di avvicinarsi, la donna era pronta con un accendino a dare fuoco a tutto. Sul posto sono intervenute alcune pattuglie della polizia locale e il sindaco Gianni Ferretti, che ha tentato di intavolare una lunga trattativa per far desistere la coppia dall’insano proposito. Visto vano ogni tentativo, sono intervenuti gli agenti. Un ufficiale responsabile presente ha afferrato la mano della donna che teneva la bottiglia e le ha tolto l’accendino di mano. A quel punto il suo compagno per fermare l’ufficiale lo ha aggredito a pugni in faccia e reagendo all’intervento degli altri agenti ha colpito con una gomitata al volto un altro agente.

I due sono stati infine bloccati e arrestati. Processati per direttissima, sono finiti ai domiciliari. "Sono dispiaciuto dal punto di vista umano perché capisco la disperazione e l’urgenza di avere un tetto sopra la testa – spiega il sindaco Ferretti – ma va ribadito con fermezza che gli alloggi popolari si ottengono in un solo modo: partecipare ai bandi (a condizione di avere i requisiti) e farseli assegnare legittimamente. Sono intervenuto per far ragionare le persone che volevano compiere questo gesto sconsiderato. Ringrazio la polizia locale per il pronto intervento e per aver scongiurato il rischio che qualcuno potesse farsi del male". Un forte disagio sociale quello che si vive al quartiere popolare e che Ferretti, sindaco in prima linea, conosce bene in prima persona. Poco dopo il suo insediamento era riuscito a entrare nell’appartamento e far bloccare un uomo che, temendo di perdere l’affido dei propri figli, aveva minacciato di gettarli dal balcone.

"Una scintilla avrebbe potuto provocare una strage e il nostro plauso va agli operatori della polizia locale di Rozzano che, consapevoli di rischiare la vita, hanno comunque portato a termine l’intervento garantendo la sicurezza di tutti i presenti – ha dichiarato Sergio Bazzea del sindacato in una nota –. I tempi sono maturi affinchè la politica nazionale prenda atto che la polizia locale è di fatto una forza di polizia e proceda immediatamente ad approvare la legge di riforma che la parifichi alle forze di polizia nazionali". "Minacciare di dare fuoco al municipio e mettere a repentaglio la vita delle persone che ci lavorano non è disperazione ma violenza brutale, per questo va condannata con tutte le forze – commenta Nicola Di Marco (M5s Lombardia) –. Un plauso speciale, invece, agli agenti della polizia locale che hanno sventato il peggio intervenendo con tempestività e professionalità".