Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
15 giu 2022

Sesto, ha ucciso il padre: l’ombra della depressione che preoccupava i genitori

Il medico di base aveva prescritto a Gianluca Loprete tre visite psichiatriche. Antonio aveva però rassicurato l’ex moglie: "Mi disse che erano andate bene"

15 giu 2022
laura lana
Cronaca
featured image
La vittima Antonio Loprete
featured image
La vittima Antonio Loprete

Sesto San Giovanni (Milano) -  Dal medico di base Antonio Loprete era andato più volte per chiedere una visita psichiatrica per il figlio Gianluca, che ora è accusato di averlo ucciso e smembrato. Era uscito ogni volta con l’impegnativa e con la preoccupazione che potesse avere la sua stessa patologia: quella depressione che faceva chiudere in sé stessi e lo teneva lontano da tutti, anche dagli amici. I primi campanelli d’allarme li aveva avuti proprio Antonio. Era preoccupato e lo aveva detto anche all’ex moglie, che vive in Austria. Poi, però, l’aveva anche rassicurata: "Gianluca aveva fatto due visite, ma Antonio mi aveva detto che erano andate bene", aveva raccontato la donna ai carabinieri. Il 57enne aveva riconosciuto nel figlio i suoi stessi sintomi: l’isolamento, la rassegnazione, il non voler studiare e non riuscire ad andare a scuola, così come lui non aveva più le forze per andare al lavoro. Gli inquirenti hanno ascoltato i colleghi del dirigente alla filiale milanese di via Cusani della Bmp, che lo hanno dipinto come "una persona normalissima", che nell’ultimo periodo stava facendo assenze più o meno lunghe ed "era molto cambiato". Negli ultimi due mesi la depressione si era aggravata tanto che Antonio si era preso un’aspettativa. Anche Gianluca ormai faceva fatica ad avere una routine stabile. A settembre si era iscritto ai corsi serali del Cartesio del complesso scolastico del Parco Nord, dove viene ricordato come un ragazzo "dagli atteggiamenti un po’ strani". Si perdeva spesso tra i pensieri, mentre stava al banco, e aveva forti sbalzi d’umore. Mentre i militari stanno ancora cercando di ricostruire il quadro clinico, che vede un ultimo accesso al Cps a marzo, si cercheranno ora altri elementi nel materiale elettronico che è stato sequestrato a casa: chat e messaggi, per verificare se Gianluca avesse manifestato l’intenzione ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?