Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
12 giu 2022

Omicidio e orrore a Sesto San Giovanni: padre e figlio nella bolla delle fobie

Uccide il genitore e chiama i carabinieri. Il giovane in cura al Cps, la vittima in preda alla depressione

12 giu 2022
laura lana
Cronaca

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano Sesto San Giovanni (Milano) - Per portare via il cadavere, ci sono voluti più viaggi, tanti erano i pezzi in cui il 57enne Antonio Loprete è stato smembrato. Gli accertamenti tecnici, condotti dal personale specializzato del Comando provinciale dei carabinieri di Milano, sono andati avanti fino alle 16,30, quando l’appartamento di via Saint Denis 9 è stato sequestrato. Bocconiano, si era laureato con lode, per 31 anni aveva fatto il bancario e aveva finito per lavorare come quadro direttivo in Bpm, occupandosi più che altro di fidi. Ieri mattina i carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni lo hanno trovato in camera da letto mutilato e sezionato in più parti. A chiamarli, con una telefonata al 112, è stato il figlio Gianluca, 19 anni, che ora si trova al carcere di Monza dopo essere stato fermato con le accuse di omicidio aggravato e vilipendio di cadavere. I due vivevano insieme da soli, da quando il 57enne si era diviso dalla moglie, un’ecuadoriana che nel 2017 aveva lasciato Sesto per trasferirsi prima a Bolzano, poi a Merano e infine in Austria, da dove è rientrata ieri sera dopo un viaggio di 7 ore. "Devo venire il prima possibile, perché mio figlio non sta bene", ha detto ai carabinieri quando l’hanno contattata. Gianluca era in cura al centro psichico sociale della zona ormai da anni. Soffriva di alcune fobie ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?