Quotidiano Nazionale logo
14 apr 2022

Scontro al deposito Atm in via Trieste "incriminato" per fumo e rumori

Una settantina di residenti e i responsabili dei lavori si sono confrontati fino ad alzare troppo i toni

La protesta dei cittadini per il rumore notturno al deposito dell’Atm
La protesta dei cittadini per il rumore notturno al deposito dell’Atm
La protesta dei cittadini per il rumore notturno al deposito dell’Atm

Lavori sui binari e disagi, faccia a faccia serale davanti al deposito fra la direzione dei lavori di Atm e una foltissima delegazione dei residenti. Qualche scambio acceso e qualche momento di tensione, poi stemperato. Proprio ieri la posa degli ultimi filtri anti emissione sui mezzi d’opera a gasolio responsabili di fumi e odore acre lamentato dai residenti di molte vie del quartiere. Un prossimo incontro davanti al deposito si terrà a maggio, "diamoci il tempo di monitorare i risultati delle migliorie tecniche apportate". Dai residenti istanze a gran voce: un’informazione ancora più tempestiva, ulteriori garanzie sulla non tossicità delle emissioni, soprattutto altre azioni ad abbattere odori che, pure in nessun modo paragonabili a quelli dell’avvio cantiere, continuano a provocare disagio se non emicrania e problematiche fisiche: "Dovete fare di più". Così il direttore dei lavori Leonardo Messineo: "Da novembre a oggi siamo impegnati ad abbattere quanto più possibile i disagi connessi a lavori che sono importanti e indifferibili". Filtri anti emissione ("non obbligatori per legge" sottolinea l’azienda) sono stati installati su tutti i mezzi d’opera, "se altro sarà tecnicamente fattibile si farà". L’incontro era stato fissato per un punto della situazione fra amministratori comunali, direzione lavori e delegati dei cittadini. Un fitto tam tam ha radunato in strada una settantina di residenti. I lavori termineranno nel 2023.

Monica Autunno

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?