Quotidiano Nazionale logo
7 dic 2015

Prima della Scala, protesta degli antagonisti e presidio Cub: prime tensioni

Carabinieri e poliziotti in tenuta antisommossa sono schierati intorno al Piermarini per sorvegliare la 'zona rossa'.  Tutte le informazioni sulla serata di Sant'Ambrogio

featured image
MILANO 07/12/2015 - PIAZZA DELLA SCALA - PRIMA DEL TEATRO ALLA SCALA - TENSIONE TRA I CENTRI SOCIALI E LA POLIZIA - FUMOGENI - FOTO FURLAN/NEWPRESS

Milano, 7 dicembre 2015 - Prima della Scala, la piazza è blindata. Carabinieri e poliziotti in tenuta antisommossa sono schierati intorno al Piermarini per sorvegliare la 'zona rossa'. Non meno di 700 militari si occuperanno della sicurezza, affiancati dalle forze antiterrorismo e dai cecchini sui tetti che si affacciano sulla piazza. Nonostante questo, il clima è abbastanza tranquillo. Per tutti coloro che prendono parte al grande evento, un inedito,i metal detector, introdotti dalla Prefettura subito dopo gli attentati di Parigi (LE FOTO DEI CONTROLLI CON I METAL DETECTOR). All'esterno del teatro le tradizionali proteste, con il presidio dei Cub e cortei dei autonomi. Ovunque, lungo l'ampio perimetro transennato che delimita l'area della piazza chiusa al pubblico, una folla di curiosi si è radunata per assistere all'altra sfilata: quella del pubblico del teatro. Segno che, nonostante le imponenti misure di sicurezza, la città non è spaventata e non teme al punto da tenersi lontano dalla Scala nel giorno in cui più di ogni altro è simbolo di Milano.  (TUTTE LE INFORMAZIONI)

CENTRO SOCIALE IL CANTIERE - Verso le 15, sono arrivati gli antagonisti del centro sociale milanese Cantiere. Con un piccolo corteo all'interno della Galleria Vittorio Emanuele hanno raggiunto Palazzo Marino, sede del comune, dove hanno appeso CANTIERE_10188540_173003due striscioni: uno annuncia il corteo studentesco dell'11 dicembre in cui chiedono 'soldi alla scuola, no alla guerra' e sull'altro è scritto 'Centinaia di ricchi, miliardi di poveri. Questo è lo Stato di emergenza'. Ha sfilato anche il comitato abitanti del quartiere di San Siro sulla passerella dello spazio del mutuo soccorso allestita davanti a Palazzo Marino, in quella stessa piazza dove poco dopo sono arrivati gli ospiti della Prima della Scala. Il tappeto rosso del centro sociale "il Cantiere" è dedicato a chi si contrappone alla casta. Per le 16  in scena "la più grande sfilata di moda popolare", per manifestare contro l'evento del 7 dicembre, che quest'anno aprirà la stagione lirica con 'Giovanna d'Arco' di Giuseppe Verdi.  "Siamo quelli che davanti alla guerra rispondono 'not in my name'", ha spiegato la speaker. (LE FOTO DELLA SFILATA DE IL CANTIERE)

PRESIDIO CUB - Sempre davanti a palazzo Marino e di fronte alla Scala presente anche il presidio della Cub, la confederazione unitaria di base per ricordare che "In Italia si muore di lavoro"Ferdinando Maestroni ha richiamato l'attenzione sui "sette lavoratori che sono morti per l'amianto proprio alla Scala" perché il materiale tossico "non è stato rimosso dopo che il teatro è stato ristrutturato". Se oggi alla Scala si accenderanno i riflettori su ballerini e cantanti - conclude Maestroni - "vorremmo che i riflettori si accendessero anche sulla situazione delle fabbriche in cui la gente muore".

La protesta alla Prima della Scala (Newpress)BANDA DEGLI OTTONI A SCOPPIO - Anche quest’anno la piazza che contesta la Prima della Scala ha avuto tra i suoi protagonisti la Banda degli ottoni a scoppio. Fanfare di musicisti di strada o di professione, la Banda nel 2012 è stata insignita dell’Ambrogino d’Oro. “Le nostre note di lotta in ricordo degli lavoratori morti per amianto del Teatro alla Scala”, ha detto Roberto Spinash, sax della Banda e lavoratore della Scala.  Al riguardo la Procura di Milano ha aperto un'inchiesta convocando quattro ex sindaci milanesi e alcuni dirigenti ed ex dirigenti del teatro. 

ATTIMI TENSIONI - Breve momento di tensione tra gli esponenti del comitato abitanti San Siro e le forze dell’ordine che si sono subito schierate per contenere i manifestanti che, appoggiati alle transenne hanno acceso torce colorate e qualche fumogeno. I militari sono ancora schierati ma i manifestanti non sembrano intenzionati a sfondare le transenne.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?