Quotidiano Nazionale logo
11 feb 2022

"Salviamo San Siro": a Milano parte raccolta firme per referendum

Due i quesiti per mantenere l'atttuale stadio ed evitare la costruzione di quello nuovo voluto dai club

Milano -"Salviamo San Siro", parte a Milano la raccolta firme per il referendum: obiettivo,  salvare lo stadio di San Siro, che sarà abbattuto per lasciare spazio al nuovo impianto voluto da Inter e Milan. La presentazione dei quesiti referendari da parte dal Comitato Referendum per San Siro, si è tenuta in piazza Scala davanti alla sede del Comune.

Al momento sono circa 200 le firme raccolte. I quesiti, che si possono firmare online su un apposto sito o fisicamente ai banchetti in giro per la città, sono due: uno abrogativo che chiede di cancellare la delibera del novembre 2021 con cui la giunta comunale ha ritenuto di interesse pubblico il progetto del nuovo stadio di Inter e Milan. L'altro quesito è invece propositivo e chiede all'amministrazione di salvaguardare lo stadio Meazza "nella sua attuale funzione, senza procedere all'edificazione di un nuovo impianto sportivo con la medesima funzione nell'area di San Siro". Di avviare inoltre un concorso internazionale per progetti di riqualificazione del Meazza e di elaborare un piano generale d'area per il quartiere di San Siro e per la sua riqualificazione.

Per dare il via al referendum servono "mille firme entro il 5 marzo e più altre 14 mila firme - ha spiegato l'avvocato Veronica Dini che segue il Comitato -. Se tutto si svolgerà secondo le tempistiche il referendum si terrà tra settembre e ottobre 2022 quindi per il prossimo autunno". Per il quorum "è sufficiente che circa il 25% dell'elettorato milanese vada a votare per rendere valido il referendum".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?