Il sindaco di Milano Giuseppe Sala (Facebook)
Il sindaco di Milano Giuseppe Sala (Facebook)

Milano, 23 maggio 2020 - "In momenti come questi dobbiamo ricordarci che - pur in un Paese difficile come il nostro e in momenti storici cattivi - 'Si può fare'. Si può fare se si ha competenza, onestà e dedizione". Queste le parole del primo cittadino di Milano Beppe Sala, nel suo consueto messaggio alla città, attraverso i canali social. Lo spunto per l' incoraggiamento arriva da Expo: "Dieci anni fa fui nominato ad di Expo, con davanti altri 5 anni di lavoro per aprire l'Esposizione Universale - ricorda Sala -. Furono cinque anni di grande fatica ma per fortuna fui supportato da un team di persone straordinario. A loro sarà eternamente grato. Poi aprimmo - bene - il Primo Maggio 2015. Seguirono altri sei mesi di fatiche ma anche di gloria. E 21 milioni di ingressi da quei cancelli. Un paio di mesi dopo chiusura di Expo mi candidai a diventare primo cittadino di Milano. Lì inizio il tormentone sul presunto buco di Expo. Questa storia per me è finita ieri perché ho ricevuto una nota da società Expo 2015 in liquidazione, che ci parla dei conti a questo punto sostanzialmente finali. Dopo questa lunga storia ci sono conti che presentano un utile di 40 milioni". "Molti pensieri affollano la mia mente da ieri - ha concluso Sala -. E in particolare mi ricordo delle mie parole il Primo Maggio 2015 (giorno di apertura di Expo ndr). Dissi: 'Tutto ciò che voi vedete non è frutto di un miracolo ma dell'enorme lavoro e dedizione di tante persone".